Sonno del neonato interrotto? La colpa è dell’evoluzione

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 16/07/2014 Aggiornato il 16/07/2014

Se il sonno del neonato è disturbato e si interrompe più volte durante la notte, la colpa potrebbe essere dell’evoluzione: benefica per la salute del bebè

Sonno del neonato interrotto? La colpa è dell’evoluzione

Un neonato che non dorme è un po’ l’incubo di ogni neomamma. Infatti, la mancanza di riposo notturno è uno dei problemi che più preoccupano chi sta per diventare genitore. E, spesso, il sonno del neonato si presenta proprio irregolare, interrotto e disturbato. La ricerca delle cause dei pianti così come delle motivazioni dei risvegli, tiene da sempre impegnate intere generazioni di mamme, papà ed esperti. Ma se il piccolo non dorme, potrebbe esserci una nuova causa: l’evoluzione, benefica per la salute del bambino.

La spiegazione della scienza

A porre sotto la lente di ingrandimento il sonno del neonato, è una ricerca pubblicata sulla rivista Evolution, Medicine, and Public Health da David Haig, esperto dell’Università di Harvard. Questo studio testimonia come il sonno del neonato insufficiente (per i genitori) o disturbato, sia in realtà una strategia evolutiva per ritardare il ciclo mestruale della neomamma. Infatti, svegliarsi durante la notte per essere nutrito, fa sì che il neonato stimoli continuamente la capacità di allattamento della madre. Allattare, a sua volte, ritarda la comparsa del ciclo mestruale e, dunque, la fertilità e la possibilità di concepire di nuovo. Nello specifico, di concepire un fratellino con cui poi il bambino dovrà “competere”.

Benefici della differenza di età tra fratelli

Era già stato sottolineato dalla scienza come la ristretta differenza di età tra due fratelli fosse in realtà una delle cause di maggior mortalità infantile, nei Paesi più poveri e con condizioni igienico-alimentari-sanitarie più difficili. In realtà, è come se la natura si fosse progressivamente adattata alla sopravvivenza della specie (neonato) instillando nel bambino la capacità di influire, ovviamente in modo inconsapevole, sul livello di fertilità della mamma. 

In breve

NON OSTACOLARE LA NATURA

Anche se risvegli notturni frequenti e poppate continue sono un vero e proprio stress per la neomamma, sarebbe opportuno non interferire in maniera decisa e “artificiale” in questo ciclo naturale delle cose. Proprio perché tale comportamento neonatale assicurerebbe una maggior sopravvivenza della specie umana nei primi anni di vita.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Ricette per lo svezzamento

Vaccini per bambini

Elenco frasi auguri nascita

Elenco frasi auguri battesimo

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimba che dopo l’addio al pannolino si rifiuta di fare la cacca: che fare?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Un piccolo rituale da osservare all'occorrenza, qualche accorgimento per rendere il momento confortevole, uniti a tanta pazienza e a un atteggiamento sereno a poco a poco riescono a indurre il bambino a utilizzare il vasino e, più avanti, la tazza del wc.  »

Dopo un aborto spontaneo quanto tempo ci vuole per cominciare un’altra gravidanza?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Augusto Enrico Semprini

Se un primo concepimento è avvenuto in pochi mesi, ci sono altissime probabilità (addirittura il 100%!) di avviare una nuova gravidanza entro sei mesi dall'aborto spontaneo.   »

Non mangiare frutta e verdura durante la gravidanza può essere pericoloso?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se si teme una carenza di vitamina C perché con l'inizio della gravidanza è nata un'avversione verso la frutta e la verdura, si può correre ai ripari assumendo quotidianamente, per esempio, spremute di agrumi o kiwi, che ne sono ricchissimi.   »

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti