Vocalizzi dei bambini: i bebè li imitano per imparare a parlare

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 06/06/2019 Aggiornato il 10/06/2019

Parlare ai piccoli serve ma sembra che i bebè siano attratti soprattutto dai vocalizzi dei bambini loro coetanei, perché riconoscono suoni simili ai propri

Vocalizzi dei bambini: i bebè li imitano per imparare a parlare

I bimbi piccoli sono attratti dai vocalizzi dei bambini come se fossero consapevoli di essere capaci di riprodurre gli stessi suon. Quindi va sempre bene parlare ai bimbi per stimolarli a parlare e ad apprendere il linguaggio, ma non è grazie a questo stimolo ricevuto dai genitori che i piccoli imparano a parlare. Secondo una ricerca canadese pubblicata dalla McGill University e della Université du Québec di Montreal sulla rivista Developmental Science, i bebè apprendono il linguaggio imitando i vocalizzi dei bambini.

A 4-6 mesi

Gli studiosi sono giunti alle loro conclusioni dopo avere condotto degli esperimenti su un gruppo di bambini di età compresa tra 4 e 6 mesi, cui hanno fatto ascoltare due registrazioni, una di voce di donna adulta, l’altra di vocalizzi dei bambini. Durante l’ascolto gli studiosi hanno misurato per quanto tempo ciascuna registrazione “catturava” l’attenzione dei neonati, scoprendo così che i piccoli risultavano molto più interessati ad ascoltare i suoni dei loro coetanei, sia in termini di tempo dedicato all’ascolto (40% in più), sia in termini di coinvolgimento (muovendo la bocca e sorridendo).

Esercitare le corde vocali

I piccoli partecipanti allo studio, secondo gli autori, erano più attratti dai vocalizzi dei bambini perché era come se si rendessero conto che anche loro sarebbero stati capaci di riprodurre quei suoni. “A differenza degli adulti che usano il linguaggio per comunicare, i bimbi piccoli spesso producono suoni più per sperimentare che per interagire, tanto è vero che tendono a emettere vocalizzi soprattutto quando sono soli, senza interagire con nessuno. Per imparare a parlare i bambini hanno bisogno di esercitare per molto tempo la bocca e le corde vocali, al fine di capire quali suoni sono in grado di riprodurre”.

 

 

Da sapere!

Secondo uno studio britannico della University of Cambridge, quando un bimbo di pochi mesi risponde alle parole dell’adulto con dei vocalizzi si crea una sincronia cerebrale tra adulto e bimbo che facilita il trasferimento di informazioni durante i primissimi tentativi di apprendimento e comunicazione del neonato

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Ovulazione: può verificarsi anche se si prende la pillola?

31/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono casi in cui, nonostante l'assunzione del contraccettivo orale, la donna continua a essere fertile: accade, per esempio, se è in sovrappeso.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti