Al via Fa’ la cosa giusta! con la donna al centro

Silvia Finazzi A cura di Silvia Finazzi Pubblicato il 07/03/2019 Aggiornato il 07/03/2019

Dall’8 al 10 marzo torna l’appuntamento con Fa’ la cosa giusta!, la fiera del consumo critico e degli stili di vita sostenibili

Al via Fa’ la cosa giusta! con la donna al centro

Dall’8 al 10 marzo torna l’appuntamento con Fa’ la cosa giusta!, la fiera nazionale del consumo critico e degli stili di vita sostenibili, giunta alla 16a edizione. L’appuntamento per chi vuole imparare a condurre un’esistenza che sia più rispettosa dell’ambiente e delle risorse naturali è a Milano, a fieramilanocity. Quest’anno l’evento non sarà solo l’occasione per capire perché è così importante guardare alla sostenibilità delle scelte che si compiono ogni giorno, ma anche per dare finalmente importanza alle donne.

Un’area dedicata alle donne

Tra le novità dell’edizione 2019 di Fa’ la cosa giusta! c’è Plurale Femminile, uno spazio dedicato al ruolo delle donne nella società e nel mondo del lavoro. Nel corso dei dibattiti e degli incontri organizzati nella tre giorni si parlerà di argomenti importanti come di gender pay gap, ossia delle differenze di retribuzione fra i due generi che ancora oggi esistono nella nostra società. E non solo. Gli esperti affronteranno anche il tema del “linguaggio di genere” e del sessismo nelle espressioni di uso quotidiano. E, ancora, dell’impegno di scienziate, ricercatrici ed esperte nelle materie STEM (scientifiche, tecniche, ingegneristiche e matematiche), che comunemente sono ritenute più affini al genere maschile. Lo scopo è favorire lo studio di queste materie anche tra le studentesse e incentivare il ricorso a esperte nei dibattiti pubblici, sui media e nei panel dei convegni, spesso totalmente al maschile. L’obiettivo generale? Valorizzare le donne: nonostante i progressi compiuti, infatti, ancora oggi spesso il loro ruolo è poco riconosciuto.

 

Si parlerà di mare e di scuola

I motivi per partecipare a Fa’ la cosa giusta! non finiscono qui. Per esempio, conoscere le buone pratiche per affrontare le emergenze che riguardano corsi d’acqua e acque interne. Nello spazio Il Porto scienziati, velisti, geografi, pedagogisti, esploratori e giornalisti racconteranno lo stato di salute dell’ecosistema marino e i modi per salvaguardarlo dai pericoli, come quello delle macro e microplastiche. Nell’area Sfide, invece, si affronteranno molti temi: la didattica tra museo e scuola, la parità di genere in ambito scolastico e della ricerca, l’educazione alla giustizia sociale e le comunità educanti.

Laboratori e spazi espositivi

Non mancheranno poi laboratori di cucina per ragazze e ragazzi con disabilità  intellettive, dibattiti dedicati all’accoglienza, spazi espositivi in cui tante aziende presenteranno servizi, prodotti e tecnologie per ridurre l’impatto della nostra vita quotidiana.

 

 

 

Da sapere!

L’ingresso a Fa’ la cosa giusta! è gratuito. Per maggiori informazioni visitare il sito www.falacosagiusta.org

 

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.



Concorso riparti con catrice 2020

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sovrappeso: è di ostacolo alla fertilità? Assolutamente sì

29/06/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Molti chili di troppo interferiscono sull'attività delle ovaie, a volte al punto da causare la formazione di ovociti difettosi, che non possono essere fecondati.   »

Stereotipie o conseguenze del lockdown?

29/06/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dott. Leonardo Zoccante

E' verosimile che i forti cambiamenti imposti dall'isolamento a cui ha costretto la pandemia abbiano influito sul comportamento dei bambini, tuttavia ci sono manifestazioni anomale che potrebbero essere spia di altro.   »

Coronavirus: indebolito o no? E le scuole riapriranno?

12/06/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Matteo Bassetti

Il Sars-CoV-2 è andato senza dubbio incontro a modificazioni che l'hanno reso meno aggressivo. Così è verosimile che a settembre bambini e adolescenti potranno (finalmente) tornare a scuola.  »

Fai la tua domanda agli specialisti