Anche quest’anno tornano le Uova di Pasqua solidali

Silvia Finazzi A cura di Silvia Finazzi Pubblicato il 08/03/2021 Aggiornato il 08/03/2021

Il 19, 20 e 21 marzo sarà possibile acquistare le Uova di Pasqua AIL e sostenere così la ricerca e il sostegno rivolti alle persone con tumori del sangue

Anche quest’anno tornano le Uova di Pasqua solidali

La Pasqua si avvicina. Approfittatene per fare un gesto di solidarietà. Insieme a quelle con i personaggi preferiti dai vostri figli e a quelle delle loro marche preferite acquistate anche le uova di Pasqua che “fanno del bene”: le Uova di Pasqua AIL, l’Associazione Italiana contro le Leucemie, i Linfomi e il Mieloma, che anche quest’anno serviranno per raccogliere fondi in favore della lotta contro i tumori del sangue.

Non solo in piazza

 Quest’anno la manifestazione dedicata alle Uova di Pasqua AIL, che è giunta ormai alla sua 28esima edizione, si svolgerà nei giorni 19, 20 e 21 marzo. A causa dell’emergenza sanitaria, alla tradizionale vendita in piazza si aggiungeranno nuove modalità di distribuzione su tutto il territorio nazionale. Sarà, dunque, possibile acquistare le uova in completa sicurezza: per sapere come fare, la cosa migliore è contattare la sede AIL più vicina a casa vostra. A questo indirizzo trovate tutti i contatti delle 82 sezioni principali.

Che cosa fa AIL

 Da oltre 50 anni, l’AIL si occupa di promuovere e sostenere la ricerca scientifica nel campo delle leucemie, di offrire assistenza sanitaria ai malati e ai loro familiari e di sensibilizzare i cittadini sulle malattie ematologiche. Per farlo ha bisogno di più sostegno possibile, da parte di tutti. Acquistare le Uova di Pasqua AIL è uno dei tanti modi in cui è possibile aiutare l’associazione e, dunque, le migliaia di persone che ogni anno lottano contro un tumore del sangue e che ora, a causa del Covid-19, hanno ancora più bisogno di vicinanza.  

Un contributo piccolo per una grande causa

Per acquistare l’uovo di cioccolato e diventare sostenitori di AIL basta versare un contributo minimo associativo di 12 euro. È anche grazie a questi fondi che l’associazione sostiene la ricerca e oltre 221 studi scientifici ogni anno, finanzia borse studio per giovani ricercatori e 136 Centri Ematologici in tutta Italia e aiuta migliaia di pazienti. Dentro un Uovo di Pasqua AIL, dunque, c’è molto di più di una semplice sorpresa. È anche grazie a tutto questo se oggi il 70% dei malati affetti da un tumore del sangue guarisce o cronicizza la malattia.

 

 

 
 
 

Da sapere!

La più conosciuta fra le malattie del sangue è probabilmente la leucemia, ma non è la sola. In questo gruppo rientrano anche linfomi, mielomi, anemie, mastocitosi e altre patologie. Acquistando le Uova di Pasqua AIL si contribuisce alla lotta di tutte.

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Vaccini tetravalente ed esavalente e possibili effetti indesiderati

06/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Qualsiasi vaccino dà luogo a effetti indesiderati che comunque sono molto meno gravi di quanto potrebbero essere le conseguenze della malattia contro cui vengono effettuati.  »

Bimbo che vuole mangiare solo pochi alimenti

27/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Occorre stare molto attenti a non trasformare l'ora dei pasti in un momento in cui il bambino tiene in pugno tutta la famiglia e il modo migliore per evitarlo, favorendo un rapporto sereno con il cibo, è mostrare indifferenza se rifiuta una cibo e zero esultanza se, invece, lo mangia.   »

Smettere di allattare e sensi di colpa

27/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Le mamme sono specializzate in sensi di colpa, ma forse riuscirebbero a nutrirne di meno se solo acquisissero la consapevolezza che la tristezza e l'ansia che ne derivano non fanno bene alla serenità del bambino.   »

Fai la tua domanda agli specialisti