Asma nei bambini, stress nei genitori. È inevitabile ma… si può controllare

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 02/12/2015 Aggiornato il 02/12/2015

Essere genitori di un bambino con l’asma crea sempre ansia. Occorre, però, imparare a gestire lo stress, perché mamma e papà sono l’anello di collegamento tra il bambino e le cure mediche. Il loro ruolo è fondamentale

Asma nei bambini, stress nei genitori. È inevitabile ma… si può controllare

BIMBISANIEBELLI.IT PER ISTITUTO PIO XII ONLUS

 

Quando un bimbo soffre di asma, anche i genitori soffrono. Sono assaliti dalla preoccupazione per la malattia, dalla paura di sbagliare e dai dubbi su che cosa fare. Imparare a gestire lo stress è fondamentale, per il benessere di tutti.

Tutta la famiglia è coinvolta

“L’asma è una malattia che coinvolge tutta la famiglia e che ha ripercussioni sui genitori e sui fratelli del bambino che ne soffre” spiega la dottoressa Alberta Xodo, psicologa e psicoterapeuta presso l’Istituto “Pio XII” Onlus di Misurina.  “È una cosa di cui non si tiene mai abbastanza conto – prosegue la Xodo – Gli studi scientifici sono concordi nel mostrare che l’asma è correlato soprattutto a stati ansiosi sia nei bambini sia nei loro familiari, fratelli inclusi”. In genere si diventa fin troppo protettivi e per il timore che il bambino possa sviluppare una crisi d’asma, lo si tiene lontano da molte delle attività più comuni per la sua età, come giocare a pallone con gli amici o dormire da un amichetto. Ma non sempre è necessario. Scopri di più sui problemi dei genitori leggendo qua: http://www.misurinasma.it/cos-e-l-asma/cause-dell-asma/essere-genitori/

Allentare la rete protettiva eccessiva

Nella maggior parte dei casi, i genitori riescono a superare in autonomia il peso dell’asma del proprio bambino: la strategia vincente è, cioè, vicina. Occorre però diventare capaci di “allentare” la rete protettiva eccessiva che si è tessuta intorno al proprio bambino. Ciò non significa lasciare il bambino in balia di se stesso, ma aiutarlo a diventare protagonista della cura stessa della malattia e, in definitiva, della sua vita. “Nella mia esperienza clinica” – osserva Alberta Xodo – riuscire in questa difficile sfida ha un effetto per così dire contro-ansiogeno, riduce l’ansia nel genitore e aumenta l’autostima nel bambino. Questo è proprio il punto fondamentale per i bambini in età scolare”.

A volte serve un aiuto

Vi sono situazioni, invece, come in caso di asma particolarmente grave e resistente, che richiedono l’intervento dello psicologo come supporto alla famiglia (e naturalmente al bambino). “Se capisco che la mia ansia sta vincendo, che il ‘termometro’ delle tensioni sale troppo – spiega Alberta Xodo – è meglio cercare l’aiuto e il consiglio di un Servizio di Psicologia, dove posso essere supportato nel gestire stati particolarmente ansiosi, conflitti che possono derivare da un asma grave e da una assunzione problematica delle terapie”. Scopri di più su che cosa fare leggendo qua: http://www.misurinasma.it/tipologie-di-servizio/strategie-coping/

CartelloCimemisurina

Un Centro specializzato in alta montagna

A Misurina, a mezz’ora da Cortina d’Ampezzo sulle Dolomiti, c’è un Centro specializzato per la cura e la riabilitazione dell’asma pediatrica, l’unico in Italia in alta quota. È l’Istituto “Pio XII” Onlus e si prende cura a 360 gradi dei bambini e adolescenti con asma, incluso il supporto psicologico, in accordo con le Linee Guida internazionali sulla cura dell’asma. “Il servizio è a disposizione non soltanto degli ospiti in cura a Misurina – illustra la Xodo – ma anche dei familiari che intendano ottenere una valutazione e una diagnosi globale (cioè anche psicologica) sulla malattia del proprio bambino. Nell’arco della giornata, effettuiamo una valutazione completa del bambino e del contesto familiare”.

La cura del bambino con l’asma

E dopo la valutazione e il riconoscimento del problema, a Misurina si può trovare un aiuto e una consulenza specialistica per comprendere le implicazioni psicologiche dell’asma in età evolutiva e imparare a gestire le proprie ansie, inclusi aspetti della vita familiare che sembrano toccare solo marginalmente l’asma del bambino. “Perché a Misurina – conclude la dottoressa Xodo, – non ci occupiamo della cura dell’asma, ma ci prendiamo cura del bambino con l’asma”.

 

 
 
 

In breve

COME FARE

I genitori possono rivolgersi al “Pio XII” Onlus indirizzando una mail all’indirizzo: psicologi@misurina.it. Il servizio di Psicologia del “Pio XII” è integrato nel più generale percorso diagnostico del bambino e rientra nel quadro della presa in carico del bambino con asma, che ovviamene include anche la diagnosi respiratoria. Per saperne di più sull’Istituto “Pio XII” Onlus di Misurina: http://www.misurinasma.it/

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

La mia gravidanza si è interrotta subito: quando riprovarci?

16/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Francesco Maria Fusi

Si può cercare un bimbo immediatamente dopo un aborto spontaneo, avvenuto nelle primissime settimane di gravidanza.   »

Sono incinta: posso continuare ad allattare?

14/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se lo si desidera, non c'è ragione di smettere di allattare quando inizia una nuova gravidanza.   »

Dolicocefalia in bimbo di tre mesi: quali conseguenze?

14/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Questo tipo di malformazione cranica comporta un problema quasi esclusivamente di natura estetica.   »

Fai la tua domanda agli specialisti