Bomboniere solidali: così fai del bene

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 14/07/2014 Aggiornato il 14/07/2014

Scegliendo le bomboniere solidali si sostiene l'azione di Medici Senza Frontiere anche aiutando bambini e famiglie in difficoltà, come i quattro gemelli nati nel campo rifugiati di Mbera, in Mauritania

Bomboniere solidali: così fai del bene

La nascita di quattro gemelli è sempre problematica. Figuriamoci in un campo profughi africano in emergenza sanitaria. Eppure, gli operatori di Medici Senza Frontiere ce l’hanno fatta. E hanno dato una quadrupla speranza a migliaia di persone vulnerabili. Tutto questo è stato possibile grazie alle donazioni di privati all’organizzazione. Anche solo tramite le bomboniere solidali.

Un’occasione di solidarietà

Per festeggiare un battesimo, un matrimonio o una comunione, si può aiutare chi ne ha davvero bisogno, scegliendo bomboniere solidali prodotte da Medici senza frontiere, la più grande organizzazione medico-umanitaria indipendente, Premio Nobel per la Pace, che agisce in 66 paesi al mondo. Con i proventi delle bomboniere si possono curare, vaccinare e assistere persone che lottano per sopravvivere in contesti di emergenza umanitaria come epidemie, conflitti o disastri naturali.

Ampia scelta

Su www.festasenzafrontiere.it c’è un’ampia scelta di bomboniere, da quelle a sacchetto in cotone fino alle scatoline in diverse misure, con in più cartoncini da utilizzare come segnaposto o pergamene da personalizzare. È inoltre possibile creare una Lista regali di Medici senza frontiere, in cui si invitano i propri amici e parenti a “regalare” vaccinazioni, zanzariere per prevenire la malaria o terapie per la malnutrizione.

Centri sanitari in tutto il mondo

Come vengono usate le donazioni? Per esempio dando vita a centri sanitari nei campi profughi. A Bassikounou, in Mauritania, ultimamente sono nati quattro gemelli da una coppia di rifugiati dal Mali, dove è in corso un conflitto feroce.

Una quadrupla speranza

“Dopo 37 settimane di gravidanza i quattro gemelli sono nati nella nostra sala operatoria. Tre maschi e una femmina, che pesavano solo 1,5 kg a testa! Eravamo piuttosto preoccupati per loro. Ma oggi sono in salute e crescono bene. È un’ulteriore prova che cose meravigliose possono succedere anche nelle condizioni più estreme” ha detto Frederic Manantsoa Lai, Capo Missione per Medici Senza Frontiere nel campo rifugiati di Mbera. “Queste nuove vite sono un segno di speranza per i rifugiati. Allo stesso tempo, questa storia sottolinea quanto siano vulnerabili queste persone. Immaginate se le cure mediche non fossero state disponibili: se non avesse raggiunto la nostra struttura, questa madre incredibilmente coraggiosa avrebbe potuto perdere i suoi quattro bambini, o anche la sua stessa vita, lasciando altri sei figli e un marito senza lavoro”.

In breve

LA PIÙ GRANDE ORGANIZZAZIONE MEDICO SANITARIA INDIPENDENTE

Medici Senza Frontiere, nata nel 1971, è la più grande organizzazione medico-umanitaria indipendente al mondo. Nel 1999 è stata insignita del Premio Nobel per la Pace. Opera in oltre 60 paesi portando assistenza alle vittime di guerre, catastrofi ed epidemie.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gravidanza e paura di effettuare il tampone vaginale

10/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Durante i nove mesi di gestazione, effettuare il tampone vaginale non espone ad alcun rischio, quindi può essere affrontato in assoluta tranquillità.   »

Placenta vicina all’OUI: potrebbe allontanarsi?

10/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Nel corso della gravidanza la placenta può spostarsi dall'orifizio uterino in quanto l'utero gradualmente si distende in lungo e in largo  »

Bimba di due anni problematica: ma lo è davvero?

27/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Ci sono casi in cui non è il bambino a essere particolarmente difficile da gestine, ma i genitori a nutrire aspettative sul suo comprotamento che lui, per via della sua età, non può (ancora) soddisfare.  »

Fai la tua domanda agli specialisti