Ci penso io: un concorso per le classi più creative

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 09/09/2014 Aggiornato il 09/09/2014

È dedicato ai bambini della scuola primaria Ci penso io, un nuovo concorso che premia la creatività e l’inventiva con interessanti premi in palio 

Ci penso io: un concorso per le classi più creative

Si chiama “Ci penso io” il nuovo concorso riservato alle ultime tre classi della scuola primaria che stimola i bambini a sviluppare la creatività e la capacità di trovare soluzioni innovative.

Risolvere i piccoli grandi problemi con originalità

Ci penso io è stato voluto da Bama, azienda italiana che da oltre 30 anni inventa, realizza e distribuisce prodotti utili, sicuri e innovativi per l’ambito domestico, sia in casa sia in giardino. L’obiettivo è quello di coinvolgere i bambini in un percorso di allenamento alla scoperta delle soluzioni per i piccoli e grandi problemi quotidiani, unendo competenze analitiche e creative per stimolare soluzioni di gruppo originali e innovative.

Attività individuali e di gruppo

Il progetto si svilupperà attraverso materiali gratuiti disponibili sul sito www.bamacipensoio.it, visite didattiche e attività individuali e di gruppo. È aperto alle classi III‐IV‐V delle scuole primarie presenti nella provincia di Lucca e nelle città di Firenze, Roma, Milano, Verona, Torino e Genova. I migliori cinque elaborati presentati dalle scuole partecipanti si aggiudicheranno un buono spesa in materiale didattico. Alla prima scuola classificata verrà assegnato un buono da 3mila euro, Iva esclusa.

Iscrizioni entro il 31 ottobre

Per iscriversi e richiedere l’apposito kit le classi hanno tempo fino al 31 ottobre 2014. 

In breve

PER INFORMAZIONI

Sul sito www.bamacipensoio.it si potrà scaricare la scheda per l’iscrizione, da inviare alla Segreteria Organizzativa, tramite fax al numero 051.6414810 entro il 31 ottobre 2014. Per maggiori dettagli, le scuole potranno contattare la Segreteria Organizzativa al numero verde 800.17.25.34 (attivo dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 15).

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti