Con la webcam un filo diretto con l’ospedale

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 30/01/2014 Aggiornato il 30/01/2014

Grazie alla webcam, i genitori dei neonati prematuri possono rimanere in contatto audio e video con l’ospedale

Con la webcam un filo diretto con l'ospedale

I neonati prematuri non vanno seguiti solo in ospedale. Anche in seguito alle dimissioni dal reparto di terapia intensiva, dove in genere vengono ricoverati dopo la nascita, vanno monitorati. Questa loro particolare fragilità mette in ansia i genitori, che temono di non riuscire a controllarli in modo adeguato. Il ricorso a una webcam potrebbe aiutarli.

Un ampio progetto

L’idea di utilizzare una webcam in supporto dei genitori di neonati prematuri è solo l’ultimo tassello di un percorso più ampio, cominciato nel 2008 all’ospedale S. Filippo di Roma. Sei anni fa è stato creato un “nido virtuale”, ossia una galleria fotografica on-line (Natioggi.it) tutta speciale. Infatti, mamma e papà possono utilizzarla per diffondere la notizia della nascita del loro figlio e le sue prime fotografie. Così, anche parenti e amici lontani possono partecipare al lieto evento.

Una telecamera sull’incubatrice

Nel 2011 è stata la volta della webcam in ospedale: in pratica, è stato installato sulle incubatrici  della terapia intestiva un sistema che utilizza una telecamera connessa a internet. In questo modo, i genitori dei neonati prematuri possono vedere anche da casa, in tempo reale, che cosa fa il loro piccolo durante il ricovero.

Il baby web

Da poche settimane, infine, è disponibile anche la tecnologia “inversa”: in pratica, prima della dimissione i genitori vengono dotati di un computer con telecamera e connessione a internet che viene installato a domicilio da personale specializzato. Questo dispositivo è collegato alla terapia intensiva: di conseguenza, il medico può controllare il neonato, alcuni suoi parametri e parlare contemporaneamente con mamma e papà. Grazie a questo servizio, denominato baby web, la famiglia riesce a vivere con minore stress un periodo molto difficile, come quello che segue le dimissioni. Mantenere il contatto audio e video con il personale della neonatologia ospedaliera, infatti, è di grande aiuto per i genitori.

In breve

DIMISSIONI “PROTETTE”

Quando i neonati prematuri vengono dimessi dall’ospedale, in genere, i genitori vengono istruiti a osservare il loro respiro  e colorito nei vari momenti della giornata. In questo modo possono riconoscere subito eventuali anomalie.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Quarto cesareo: quali rischi?
09/09/2019 Gli Specialisti Rispondono

Affrontare un cesareo, dopo averne effettuati altre tre, espone la donna a numerose eventualità spiacevoli che è bene considerare prima di decidere per una nuova gravidanza.  »

Bimba che sta attraversando i “terribili due anni”
03/09/2019 Gli Specialisti Rispondono

A due anni il bambino può diventare terribile. E' una fase della crescita sana e naturale che si può affrontare senza soccombere. Basta sapere come è meglio fare.   »

Vaccinazione DTP: è da fare in gravidanza?
02/09/2019 Gli Specialisti Rispondono

Oggi viene considerato opportuno sottoporre le donne incinte al richiamo vaccinale contro difterite, tetano e pertosse affinché il nascituro possa contare su anticorpi sufficienti a proteggerlo, nei primi mesi di vita, dalle tre malattie.   »

Fai la tua domanda agli specialisti