Con la webcam un filo diretto con l’ospedale

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 30/01/2014 Aggiornato il 30/01/2014

Grazie alla webcam, i genitori dei neonati prematuri possono rimanere in contatto audio e video con l’ospedale 

Con la webcam un filo diretto con l'ospedale

I neonati prematuri non vanno seguiti solo in ospedale. Anche in seguito alle dimissioni dal reparto di terapia intensiva, dove in genere vengono ricoverati dopo la nascita, vanno monitorati. Questa loro particolare fragilità mette in ansia i genitori, che temono di non riuscire a controllarli in modo adeguato. Il ricorso a una webcam potrebbe aiutarli.

Un ampio progetto

L’idea di utilizzare una webcam in supporto dei genitori di neonati prematuri è solo l’ultimo tassello di un percorso più ampio, cominciato nel 2008 all’ospedale S. Filippo di Roma. Sei anni fa è stato creato un “nido virtuale”, ossia una galleria fotografica on-line (Natioggi.it) tutta speciale. Infatti, mamma e papà possono utilizzarla per diffondere la notizia della nascita del loro figlio e le sue prime fotografie. Così, anche parenti e amici lontani possono partecipare al lieto evento.

Una telecamera sull’incubatrice

Nel 2011 è stata la volta della webcam in ospedale: in pratica, è stato installato sulle incubatrici  della terapia intestiva un sistema che utilizza una telecamera connessa a internet. In questo modo, i genitori dei neonati prematuri possono vedere anche da casa, in tempo reale, che cosa fa il loro piccolo durante il ricovero.

Il baby web

Da poche settimane, infine, è disponibile anche la tecnologia “inversa”: in pratica, prima della dimissione i genitori vengono dotati di un computer con telecamera e connessione a internet che viene installato a domicilio da personale specializzato. Questo dispositivo è collegato alla terapia intensiva: di conseguenza, il medico può controllare il neonato, alcuni suoi parametri e parlare contemporaneamente con mamma e papà. Grazie a questo servizio, denominato baby web, la famiglia riesce a vivere con minore stress un periodo molto difficile, come quello che segue le dimissioni. Mantenere il contatto audio e video con il personale della neonatologia ospedaliera, infatti, è di grande aiuto per i genitori. 

In breve

DIMISSIONI “PROTETTE”

Quando i neonati prematuri vengono dimessi dall’ospedale, in genere, i genitori vengono istruiti a osservare il loro respiro  e colorito nei vari momenti della giornata. In questo modo possono riconoscere subito eventuali anomalie. 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dopo 4 maschietti arriverà la bambina?

16/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Non è assolutamente detto che dopo quattro figli maschi il quinto sarà una femminuccia perchè a ogni gravidanza si ripresentano le stesse probabilità di aver concepito un maschio o una bambina.   »

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti