Dermatite atopica: il 31 maggio alle terme di Comano visite gratuite

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 24/05/2014 Aggiornato il 24/05/2014

A Comano si applica il metodo "full care", per cui i bambini con la dermatite atopica vengono seguiti dal team di specialisti anche una volta rientrati a casa

Dermatite atopica: il 31 maggio alle terme di Comano visite gratuite

Solo in Italia un milione di bambini, fra 0 e 14 anni, soffre di dermatite atopica e sotto i 5 anni questo disturbo colpisce quasi un bambino su due. Le terme di Comano, nelle Dolomiti di Brenta, sono le uniche in Italia specializzate nella cura naturale della dermatite atopica, anche infantile. E quest’anno presentanto grandi novità.

Il 31 maggio la prima giornata dedicata

In questo giorno i bambini che soffrono di dermatite atopica, mai venuti prima alle terme, potranno fare un check-up dermatologico gratuito con il team medico a completa disposizione. Sarà una giornata di porte aperte alle terme a misura di bambino, con una sessione speciale di scuola dell’atopia, dove si insegna a “vivere bene” insieme a questo disturbo della pelle e a seguire gli accorgimenti utili, momenti di intrattenimento e l’accoglienza di dottor Clown, per divertirsi tutti insieme. Per informazioni e prenotazioni: informazioni@termecomano.it e tel. 0465 701277.

La novità dell’essere seguiti anche a casa

Da quest’anno nasce il progetto bambino “full care” che introduce un’assoluta novità: una vera e propria presa in carico del bambino, non solo alle terme ma, da quel momento in poi, permanentemente anche a casa, dopo la cura. Da quest’anno ogni bambino che si curerà alle terme di Comano avrà a disposizione  un vero e proprio team medico multi specialistico che si dedicheà al rapporto con lui e la sua famiglia, non solo per la diagnosi e la cura in loco ma, unico in Italia, per inserirsi in un percorso di affiancamento e consulenza (l’accezione inglese di “care”) anche una volta tornati a casa, con contatti telefonici, mail e rapporti anche con il pediatra curante.

Un team multispecialistico

Il team che si occupa del bambino è composto da un pediatra allergologo, un dermatologo, un idrologo, un otorinolaringoiatra e uno psicologo. A coordinare tutto il pool medico, il pediatra allergologo dottor Ezio Gabriele Barlocco che spiega “il problema non è curare la pelle, ma curare la pelle del bambino, anzi di “quel bambino” e questo solo un pediatra, seppur con il supporto del dermatologo, è in grado di farlo: in un essere in crescita, nulla come una patologia cronica interferisce sul “tutto” dello sviluppo psico-fisico e l’attenzione al solo “particolare” rischia di lasciare le cose come stanno”.

In breve

MAGGIO E OTTOBRE BIMBI GRATIS

Nei mesi di maggio e di ottobre, tutti i bimbi in cura per la dermatite atopica, fino agli 11 anni di età, soggiornano gratuitamente, se insieme ad un adulto pagante  presso una struttura di Comano aderente. Per info: www.visitacomano.it

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Si può dare l’acqua ai piccolissimi?

22/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Ad allattamento ben avviato, quindi più o meno dopo le prime settimane di vita, se ragionevolmente si ritiene che il bebè possa avere sete (o se si notano segni di disidratazione, come il pannolino asciutto per molte ore) gli si possono offrire piccole quantità d'acqua. Se fa numerose poppate nell'arco...  »

Coppia con bisnonni in comune: ci sono rischi per i figli?

22/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Il grado di parentela dovuto a bisnonni in comune non aumenta la probabilità di concepire figli con malattie ereditarie. A meno che vi siano persone malate o disabili tra i consanguinei in comune,   »

Dopo 4 maschietti arriverà la bambina?

16/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Non è assolutamente detto che dopo quattro figli maschi il quinto sarà una femminuccia perchè a ogni gravidanza si ripresentano le stesse probabilità di aver concepito un maschio o una bambina.   »

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti