Dermatite atopica: le nuove linee guida alla Terme di Comano

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 24/09/2014 Aggiornato il 24/09/2014

I massimi esperti si incontrano per fare il punto su prevenzione e cure relative alla dermatite atopica che colpisce un milione di bambini in Italia  

Dermatite atopica: le nuove linee guida alla Terme di Comano

I massimi esperti allergologi pediatri e dermatologi si riuniranno, dal 9 all’11 ottobre, a Terme di Comano, per fare il punto sulla dermatite atopica, affezione cutanea tipica dell’infanzia. Gli esperti dedicheranno una specifica attenzione anche agli aspetti psicologici e alla qualità di vita del bambino affetto da dermatite atopica e della sua famiglia.

In Italia ne soffre un milione di bambini

La dermatite atopica (o eczema costituzionale) è la più frequente malattia cutanea dell’infanzia, spesso associata a manifestazioni allergiche, sia di tipo alimentare, sia respiratorie. I dati della European Academy of Allergology and Clinical Immunology (EAACI) rivelano che la malattia interessa dal 10 al 20% della popolazione in età scolare. Questo significa che in Italia i bambini che ne soffrono, compresi tra 0 e 14 anni, sono circa un milione.

Colpiti i più piccoli

Sotto i 5 anni la dermatite atopica colpisce quasi un bambino su due, con notevoli effetti negativi sulla qualità della vita di chi ne soffre e delle loro famiglie. La conferenza a Terme di Comano dal titolo “La gestione clinica dell’eczema” rappresenta il primo passo per l’elaborazione di linee guida per uniformare in futuro la cura del bambino con dermatite atopica.

Una malattia infiammatoria della pelle

La dermatite atopica è una malattia infiammatoria cronica della pelle, con intenso prurito e secchezza cutanea.  Nel 60% dei casi l’esordio avviene nei primi due anni di vita, spesso nei primi mesi, nel 90% entro i primi cinque anni di vita. Le cause possono essere diverse: ereditarie, alimentari, dovute all’assunzione di farmaci o all’inquinamento. Di grande importanza sono i fattori genetici: se un genitore ha una manifestazione atopica, nel 60% dei casi potrà esserne affetto anche il figlio. La percentuale aumenta fino all’80% se entrambi i genitori soffrono di dermatite atopica.
La dermatite atopica è molte volte associata ad asma o rino-congiuntivite allergica. 
Si manifesta con lesioni eczematose acute e croniche. 
È caratterizzata da secchezza della pelle, dovuta ad un’alterazione della barriera cutanea, rossore e intenso prurito. Ha spesso un decorso cronico-recidivante con periodi di miglioramento alternati a riacutizzazioni dei sintomi. 

In breve

PROGRAMMI SPECIFICI PER BAMBINI

Le Terme di Comano sono state scelte come sede per il convegno perché specializzate nella cura della dermatite atopica nei bambini, con programmi pensati appositamente per loro, con giochi e divertimenti che rendono il periodo di cura una piacevole vacanza. Qui, inoltre, un team di medici prende in cura il bambino non solo durante il suo soggiorno nella località trentina, ma anche una volta tornato a casa.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Comportamenti (in)soliti durante il sonno: perché?

10/05/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Annalisa Pistuddi

Durante il sonno possono verificarsi episodi di regressione che nascono dalla necessità di scaricare tensioni emotive accumulate nelle ore di veglia. E' poco opportuno invadere questo spazio intimo cercando di indurre bruscamente il risveglio.  »

Esami oculistici a inizio gravidanza: ci sono rischi?

10/05/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Antonio Clavenna

Valutare l'opportunità di effettuare determinate indagini oculistiche nelle prime settimane di gravidanza spetta allo specialista a cui ci si affida.   »

Embrione che non si vede alla quinta settimana

16/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Anna Maria Marconi

Fare un'ecografia troppo presto (prima della settima settimana) non serve a nulla e, in più, è causa di grandi spaventi che ci si potrebbe risparmiare se solo si avesse un po' di pazienza.  »

Fai la tua domanda agli specialisti