Donare il latte materno? Con Human Milk Link è più facile

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 10/09/2015 Aggiornato il 10/09/2015

È presentato oggi a Expo2015 e parte a Milano da ottobre, il primo sistema organizzato di raccolta a domicilio del latte materno

Donare il latte materno? Con Human Milk Link è più facile

Si chiama Human Milk Link ed è la rete del latte materno, il primo servizio organizzato di raccolta a domicilio del latte materno donato. Il latte materno è un “alimento salvavita” per i prematuri e i neonati malati e con questo progetto, che parte da Milano ma si estenderà presto alle principali città italiane, si tende a favorire la donazione di questo latte da parte di sempre più mamme. L’iniziativa è sponsorizzata da Sitar, azienda che distribuisce in Italia i prodotti Fiocchi di Riso, Fisiolact e Prodigi della Terra, e ha ottenuto il patrocinio del ministero della Salute e del comune di Milano.

Un’ostetrica a domicilio

Dal primo ottobre un’ostetrica specializzata si sposterà ogni giorno in città a bordo di una “Ape Milk”, allestita con cella frigorifera, per raccogliere a domicilio il latte materno e portarlo alla Banca del Latte nell’ospedale più vicino. Nell’occasione del ritiro del latte, poi, l’ostetrica potrà consigliare, rassicurare e aiutare la mamma che dona il latte, per qualunque cosa che riguarda lei e il bimbo.

Da Milano a Palermo

Il servizio di raccolta a domicilio di Milano sarà presto replicato con il medesimo format anche nelle altre grandi città italiane (Roma, Torino, Firenze, Bari, Palermo) dove è già presente una Banca del Latte – sono 33 in tutto il Paese – e successivamente potrà diventare un modello da esportare nelle capitali europee.

Alimento salvavita

Il latte materno è in assoluto il miglior alimento nei primi mesi di vita del bambino: lo protegge dal punto di vista nutrizionale, immunologico e metabolico e previene molte patologie. Per i prematuri e per i neonati malati il latte materno è addirittura un alimento salvavita. Proprio per le sue caratteristiche uniche non può essere sostituito da nessun altro tipo di latte.

Tutte possono donarlo

Molte mamme però non sanno che possono donare una parte del proprio latte, anche in piccole quantità, senza paura di privare il loro bambino del latte. Ogni goccia è importante e può salvare una vita, specialmente se il latte è di una mamma che ha partorito da poche settimane. Le mamme dei bimbi pretermine, spesso, hanno difficoltà a produrre una quantità di latte adeguata, a causa dello stress e del prolungato distacco dal figlio ricoverato.

Ne serve ancora tanto

«In Italia si raccolgono ogni anno meno di 10mila litri di latte materno. Ma non bastano. Ne sarebbero necessari quantitativi tre volte superiori per nutrire tutti i neonati prematuri con peso alla nascita inferiore ai 1500 grammi», spiega il professor Guido Moro, pediatra e neonatologo, presidente dell’Associazione italiana banche del latte umano donato (Aiblud onlus), promotore di Human Milk Link. «In Italia sono attive oggi 33 Banche del Latte, regolate dal Ministero della Salute, che si occupano della raccolta e della conservazione del latte umano donato. Ma è necessario aumentare il numero delle donatrici».

 

 

 
 
 

da sapere

VANTAGGI ANCHE PER LA MAMMA

Donare latte conviene anche alle mamme per diverse ragioni. Primo e più importante motivo: svuotare completamente e con regolarità il seno dopo ogni poppata, stimola una produzione maggiore di latte e previene fastidiosi ingorghi mammari e dolorose mastiti. Inoltre, l’ostetrica di Human Milk Link che si recherà a domicilio dalle mamme fornirà loro consulenza gratuita e supporto per favorire il corretto proseguimento dell’allattamento e la donazione. Altri vantaggi per le mamme donatrici: esami ematochimici gratuiti e il kit raccolta latte che ogni donatrice riceverà, con un tiralatte manuale e i contenitori per la raccolta del latte.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Vaccino anti-CoVid-19: non è vero che ostacola la fertilità. Anzi.

21/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professor Matteo Bassetti

Non ci sono dati che autorizzino a sostenere che la vaccinazione contro l'infezione da Sars-CoV-2 interferisca sulla fertilità.   »

Fontanella anteriore chiusa in una bimba di 4 mesi: è preoccupante?

20/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Se l'accrescimento della circonferenza cranica è regolare e se lo sviluppo neuropsicologico è adeguato all'età, la chiusura precoce della fontanella non deve destare alcuna preoccupazione.   »

Come togliere il seno a un bimbo di 18 mesi (difficile da gestire)?

15/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Banale eppure risolutivo: per smettere di allattare, quando diventa un peso insostenibile, basta non offrire più il seno e passare alla tazza.   »

Bimbo di 4 mesi con fossette nella piega interglutea: c’è da preoccuparsi?

12/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

E' davvero raro che una piccola anomalia in prossimità dell'ano che vari specialisti hanno considerao priva di significato dal punto di vista medico possa essere la spia di spina bifida.   »

Bimbo con dolore forte al lato sinistro dell’addome

05/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Annamaria Staiano

La causa più frequente di un dolore intenso nella parte alta e sinistra dell'addome è quella che i pediatri americani definiscono "stitichezza occulta".  »

Camera gestazionale piccola: c’è da preoccuparsi?

16/08/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se le dimensioni dell'embrione sono giuste per l'epoca, possono non essere significative quelle della camera gestazionale.  »

Fai la tua domanda agli specialisti