C’è una nuova epidemia: si chiama obesità

Silvia Huen A cura di Silvia Huen Pubblicato il 15/05/2018 Aggiornato il 01/06/2018

È una "malattia" subdola, che si sta diffondendo a macchia d'olio tra i nostri bambini. All'inizio non dà sintomi particolari, solo qualche rotolino di grasso in più, e proprio per questo non desta preoccupazione nei genitori

Se c’è una cosa che mette in allarme i genitori è l’ipotetica magrezza del proprio bambino. Dottore, mio figlio è troppo magro, non mangia abbastanza, cosa posso fare per stimolare il suo appetito? Invece non ci dovrebbe essere alcun motivo per preoccuparsi: un bimbo magretto, ma vivace e attivo, non rappresenta l’eccezione, ma la regola, la normalità.

Viceversa, a nessun genitore sembra stare a cuore il problema opposto, ossia l’eccesso di peso. Anzi, un bimbo troppo paffuto, con quei bei cuscinetti di ciccetta, fa solo tenerezza e viene vissuto come sano e in forma. È raro oltretutto che un genitore ammetta di avere un figlio in sovrappeso o comunque a rischio di obesità: sì, è un po’ rotondetto, ma sta benissimo e poi tutto si aggiusterà con la crescita…

Le cose invece non stanno affatto così. Un bimbo cicciottello su due rischia di ritrovarsi obeso da grande e di andare incontro agli altri rischi correlati, come il diabete di tipo 2 e le malattie cardiocircolatorie. Per non parlare dell’aspetto psicologico che il problema comporta. Non solo. Secondo un altro dato allarmante, addirittura il 30 per cento dei bimbi “in carne” convive già da piccolo con malattie che un tempo erano tipiche solo degli adulti, come l’ipertensione e il colesterolo alto.

Tutti gli studi medici condotti su questo argomento hanno rilevato che il problema del sovrappeso inizia a manifestarsi molto presto, fin dalla primissima infanzia. Di qui l’importanza di un allattamento a richiesta, che segua l’appetito spontaneo del bebè, senza forzarlo a poppare a ore fisse e, successivamente, di una dieta sana e calibrata durante lo svezzamento.

Si è visto infatti come un’alimentazione troppo ricca di zuccheri e, soprattutto, di proteine possa indurre un aumento del numero di adipociti, le cellule addette allo stoccaggio dei grassi di riserva. Risultato: più adipociti si hanno in corpo, più adipe si rischia di accumulare.

Secondo le ricerche più recenti, inoltre, l’origine del sovrappeso risalirebbe addirittura

alla gravidanza: se la futura mamma mangia troppo e male, non solo ingrassa lei, ma mette a rischio di sovrappeso anche il suo piccolo nel pancione.

Un’ultima, amara considerazione: i nostri bambini sono tra i più grassi d’Europa, più grassi di quelli dei Paesi del Nord, da sempre biasimati per la loro alimentazione scorretta e  ipercalorica. E dire che siamo il Paese della dieta mediterranea, un modello di nutrizione equilibrata proposto come ideale al mondo intero.

La morale del discorso parla da sé ed è talmente chiara che non ha bisogno di commenti.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

A letto da un mese per un distacco amniocoriale (eppure non serve, anzi)

01/07/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Il riposo assoluto a letto in caso di "distacco" non solo è inutile per assicurare una buona evoluzione della gravidanza, ma può addirittura rivelarsi controproducente in quanto può aprire la strada al rischio di trombosi a livello degli arti inferiori.   »

Sono incinta e non sono immune alla rosolia: è pericoloso fare il vaccino a mio figlio?

28/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

Nessuno studio ha mai evidenziato che un bimbo subito dopo essere stato vaccinato contro la rosolia possa trasmetterla. Di conseguenza, anche in gravidanza non si rischia nulla se si hanno contatti con un bambino appena vaccinato.  »

Continue infezioni delle vie urinarie: che fare?

27/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui si vada incontro a numerose infezioni delle vie urinarie diventa necessario rivolgersi a uno specialista in urologia o uro-ginecologia per farsi indicare il percorso terapeutico più efficace e, quindi, risolutivo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti