Proteggiamo i bambini dalle malattie evitabili

Silvia Huen A cura di Silvia Huen Pubblicato il 10/04/2015 Aggiornato il 06/05/2015

Nel tentativo, più che lodevole, di fare il massimo del bene possibile per i propri piccoli, può capitare che i genitori li espongano involontariamente a rischi maggiori di quelli che vorrebbero evitare. Succede in primo luogo con le malattie prevenibili e, in particolare, con la meningite, la più pericolosa.

Ogni anno in Italia più di mille persone, tra cui molti bambini e ragazzi, contraggono la meningite. Dall’inizio del 2015 si contano già una settantina di casi, alcuni dei quali finiti in tragedia. Tragedia che forse si sarebbe potuta evitare se la maggior parte dei piccoli fosse stata vaccinata. 

Quando la copertura vaccinale raggiunge il 95 per cento, infatti, si verifica il cosiddetto “effetto gregge”: in sostanza, il microrganismo responsabile della malattia non riesce più trasmettersi e, di conseguenza, anche i (pochi) bimbi non vaccinati non rischiano di essere contagiati.

Purtroppo, invece, nella realtà questo effetto non è stato ancora raggiunto. La colpa? Secondo gli esperti è dovuta al calo delle vaccinazioni. Sempre più genitori, infatti, scelgono di non vaccinare i piccoli per paura di ipotetici effetti collaterali. Senza valutare che, quando la malattia colpisce, le conseguenze possono essere ben più pericolose, anche mortali.

Per prevenire le forme di meningite più diffuse, esistono da tempo i vaccini contro l’Haemophilus influenzae di tipo B, il meningococco di tipo C (oltre che dei tipi A, Y, e W135) e lo pneumococco. Dall’anno scorso, inoltre, è finalmente disponibile anche il vaccino contro il meningococco di tipo B, la forma forse più temibile della malattia.

Perché allora mettere in pericolo la vita del proprio bambino negandogli le vaccinazioni oggi disponibili?
Per il momento, è vero, resta il problema dei vaccini non ancora “passati” dal Servizio sanitario, come quello contro il meningococco B. Ma qualcosa si sta muovendo. Il Comitato nazionale contro la meningite ha lanciato la campagna “Contro la meningite P.U.O.I. fare la differenza” (P = Previeni, U = Unisciti, O = Osserva, I = Informati), per sensibilizzare i genitori e le Istituzioni affinché tutti i piccoli possano beneficiare di tutte vaccinazioni disponibili.

“L’unica arma davvero efficace contro la meningite è la vaccinazione” conferma Amelia Vitiello, presidente del Comitato nazionale contro la meningite e mamma di Alessia, morta per meningite ad appena 18 mesi. “La nostra campagna mira a informare sui rischi di questa infezione e sull’efficacia e sicurezza dei vaccini oggi disponibili, così che mamme e papà possano scegliere in modo libero e consapevole”.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Tosse violenta che non passa in una bimba di 4 anni: qual è la causa?

02/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Anche se di rado, una tosse secca, insistente, che nulla calma può essere dovuta al tappo di cerume: per escludere questa possibilità basta che il pediatra ispezioni accuratamente i condotti uditivi del bambino.  »

Collo dell’utero raccorciato in 25^ settimana: è possibile che torni a posto?

01/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In effetti la cervice può recuperare qualche millimetro, in assenza di contrazioni uterine, quindi non è detto che una minaccia di parto prematuro comporti con certezza la nascita del bambino molte settimane prima rispetto alla data prevista.  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti