Emorroidi, curale così

Contenuto sponsorizzato

Contro questo disturbo molto fastidioso che interessa i due terzi della popolazione mondiale, ci sono buone abitudini e metodi naturali efficacissimi da seguire anche in gravidanza. A patto che si intervenga prima che cronicizzi

Emorroidi, curale così

È un problema che interessa sempre più persone in tutto il mondo, tra cui spesso anche molte future mamme. I fastidi che provocano le emorroidi sono tanti ma con gli accorgimenti giusti e alcuni prodotti naturali si possono limitare fino a eliminare del tutto.

Infiammazioni anali

Le emorroidi sono piccole formazioni presenti naturalmente nel canale anale, cuscinetti di tessuto fondamentali per la continenza fecale di cui, in condizioni fisiologiche, non percepiamo la presenza. In genere però con il termine emorroidi si intende una irritazione delle vene emorroidali che si gonfiano procurando dolore e altri sintomi come  prurito, bruciore, sanguinamento e prolasso. Si tratta di un disturbo molto comune che interessa i due terzi della popolazione mondiale sia maschile che femminile.

4 abitudini corrette

Fare movimento: l’attività fisica sollecita la motilità dell’intestino e riduce il rischio di stipsi, tra le cause principali all’origine dell’infiammazione.

Mangiare sano: una dieta varia, con un corretto apporto di liquidi, promuove la regolarità intestinale, il primo passo per trovare sollievo dalle emorroidi, spesso molto fastidiose ed invalidanti.

Limitare i cibi irritanti come cioccolata, dolci, spezie, alcolici, insaccati e fritture previene e riduce l’irritazione e, pertanto, la vasodilatazione.

Evitare gli sforzi: sollevare pesi, a casa o al lavoro, oppure rimanere a lungo fermi in piedi, creano tensioni addominali che accentuano le alterazioni del plesso emorroidale.

Un trattamento delicato dalla natura

La natura fornisce diversi rimedi fitoterapici contro le emorroidi che, associati a specifici nutraceutici, offrono la possibilità di agire in maniera preliminare e non invasiva nei vari disturbi emorroidali.

La linea Emodil® nasce con l’intento di accompagnare la persona nell’intero percorso di trattamento dei sintomi delle disfunzioni emorroidali, delle recidive e dei fastidi a esse correlati, prima che si trasformino in infiammazioni croniche che necessitano di trattamenti farmacologici mirati.

 

 

 

Da sapere

EMODIL, UNA LINEA COMPLETA

La linea Emodil® si compone di un integratore di 30 compresse, un detergente cosmetico da 150 ml e un dispositivo medico in crema da 75 ml.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Contenuto sponsorizzato

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perdite di sangue nel primo trimestre: cosa può essere?

27/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una volta escluso, grazie all'ecografia, che il sanguinamento sia dovuto a un distacco o ad altre complicazioni, occorre capire se la causa potrebbe essere un'infezione.   »

Gravidanza: quando conviene annunciarla a parenti e amici?

26/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Non c'è una regola che stabilisce quando è opportuno comunicare a tutti che si è in attesa di un bambino. Il momento in cui farlo dipende da una scelta personalissima che ogni coppia deve fare in base al proprio sentire.  »

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Fai la tua domanda agli specialisti