In farmacia per i bambini: il 20 novembre la raccolta farmaci e alimenti

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 13/11/2017 Aggiornato il 13/11/2017

In farmacia per i bambini si terrà il 20 novembre in tutta Italia, tramite le farmacie aderenti, ed è una raccolta di farmaci da banco, alimenti e prodotti per l’infanzia per i bambini poveri che vivono in Italia e in Haiti

In farmacia per i bambini: il 20 novembre la raccolta farmaci e alimenti

Aiutare l’infanzia in condizioni di disagio in Italia e nel mondo: è questo l’obiettivo della quinta edizione di In farmacia per i bambini. Lunedì 20 novembre, in occasione della Giornata Mondiale dei diritti dell’infanzia, torna questa iniziativa nazionale di sensibilizzazione e raccolta di farmaci da banco, alimenti per l’infanzia e prodotti pediatrici, per portare aiuto ai bambini che vivono in povertà sanitaria in Italia e in Haiti.

Martina Colombari testimonial

Il progetto, promosso dalla Fondazione Francesca Rava – NPH Italia Onlus, è reso possibile dalla collaborazione tra i farmacisti, i loro clienti, le aziende come Lierac, le istituzioni e duemila volontari che, nelle 1350 farmacie aderenti all’iniziativa sparse in tutta Italia, sensibilizzeranno i cittadini a partecipare attivamente alla raccolta. Anche quest’anno testimonial e volontaria dell’iniziativa sarà Martina Colombari.

Partecipazione diretta delle aziende

Diverse sono le aziende che, anche quest’anno come in passato, sono al fianco della Fondazione Francesca Rava perIn farmacia per i bambini: KPMG, Chiesi, Mellin, Lierac, Silc – Trudi Baby Care, EcoEridania, Anallergo, che coinvolgeranno sul territorio nazionale dipendenti e collaboratori, in un’azione di volontariato d’impresa; presenti anche Cosmofarma e Federfarma in qualità di partner istituzionali.

Grande rete di solidarietà

Parteciperanno anche le Farmacie Comunali, rappresentate da Assofarm e Lloyds Farmacia Comunale. Si ringrazia Fondazione Manodori e Fondazione CR Firenze per il sostegno. Un’ampia rete di solidarietà su tutto il territorio nazionale che ha consentito, nelle precedenti 4 edizioni, di raccogliere in totale 442.000 confezioni.

Il progetto Ninna ho

A tutti coloro che entreranno nelle farmacie aderenti all’iniziativa In farmacia per i bambini verrà distribuito dai volontari un pieghevole sui diritti dei bambini. Tra i diritti dell’infanzia sarà ricordato anche quello fondamentale della vita dopo la nascita, difeso da “Ninna ho”, progetto promosso dalla Fondazione Francesca Rava e KPMG (www.ninnaho.org).

La povertà in Italia

Nel 2016 l’Istat ha stimato che il 6,3% delle famiglie vive in condizione di povertà assoluta (ovvero la cui spesa mensile per beni e servizi essenziali non consente uno stile di vita accettabile), ovvero 4 milioni e 742mila individui. La povertà relativa (difficoltà nella fruizione di beni e servizi in rapporto al livello medio di vita dell’ambiente o della nazione) riguarda il 10,6% delle famiglie, per un totale di 8 milioni 465mila individui.

 

 

Da sapere!

La Fondazione Francesca Rava – N.P.H. Italia Onlus aiuta l’infanzia in condizioni di disagio e rappresenta in Italia N.P.H. – Nuestros Pequeños Hermanos (I nostri piccoli fratelli), organizzazione internazionale che dal 1954 accoglie i bambini orfani e abbandonati nelle sue Case ed ospedali in 9 Paesi dell’America Latina tra cui la poverissima Haiti. Per consultare l’elenco delle farmacie aderenti all’iniziativa, andare su www.nph-italia.org/home/

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Esposizione alla diossina: quali rischi per il feto?
16/09/2019 Gli Specialisti Rispondono

Durante la gravidanza, l'esposizione alla diossina non è particolarmente rischiosa per il bambino.  »

Bimba che sta attraversando i “terribili due anni”
03/09/2019 Gli Specialisti Rispondono

A due anni il bambino può diventare terribile. E' una fase della crescita sana e naturale che si può affrontare senza soccombere. Basta sapere come è meglio fare.   »

Vaccinazione DTP: è da fare in gravidanza?
02/09/2019 Gli Specialisti Rispondono

Oggi viene considerato opportuno sottoporre le donne incinte al richiamo vaccinale contro difterite, tetano e pertosse affinché il nascituro possa contare su anticorpi sufficienti a proteggerlo, nei primi mesi di vita, dalle tre malattie.   »

Fai la tua domanda agli specialisti