Gold for Kids, il progetto a favore dell’oncologia pediatrica

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 30/01/2018 Aggiornato il 30/01/2018

Impegnata nella diffusione di una sana alimentazione, l'azienda Raineri quest'anno sarà anche promotrice del progetto Gold for Kids in favore dell'oncologia pediatrica

Gold for Kids, il progetto a favore dell’oncologia pediatrica

È impegnata in prima linea nella diffusione della cultura di una sana alimentazione e quest’anno sarà anche promotrice di un progetto a sostegno dell’oncologia pediatrica: da sempre attenta a un modo di mangiare equilibrato e salutare come arma per la prevenzione primaria, l’azienda Raineri ha deciso di finanziare per il 2018 con parte dei proventi ricavati dalla vendita del suo olio extravergine d’oliva, uno dei suoi prodotti di punta, il progetto Gold for Kids della Fondazione Umberto Veronesi a favore dell’oncologia pediatrica.

Fondazione Umberto Veronesi in prima linea

Gold for kids nasce dall’impegno concreto della Fondazione Umberto Veronesi nel sostenere le cure mediche nell’ambito dell’oncologia pediatrica e nel promuovere l’informazione e la divulgazione scientifica. Le neoplasie pediatriche rappresentano ancora la prima causa di morte per malattia nei bambini e hanno un impatto drammatico sulle famiglie: per sostenere le cure mediche e la ricerca in questo ambito e promuovere una corretta informazione scientifica la Fondazione Umberto Veronesi dal 2014 ha avviato il progetto Gold for Kids.

Un euro per la ricerca

Quest’anno l’azienda Raineri sarà parte attiva del progetto solidale: acquistando per tutto il 2018 una confezione di Olio Extra Vergine Oro di frantoio Raineri, un euro verrà donato alla ricerca sull’oncologia pediatrica, finanziando un ricercatore per un anno. “Non dimentichiamo – spiegano dall’azienda – che condire le pietanze con olio extravergine di oliva(), meglio se a crudo, è una delle 10 regole riconosciute dalla Fondazione Umberto Veronesi per vivere in salute”. Per rendere il consumatore parte attiva e consapevole Olio Raineri ha deciso di comunicare la partnership con la Fondazione Veronesi, oltre che nei punti vendita, inserendo il logo Gold for Kids sul prodotto attraverso l’utilizzo di un’apposita etichetta.

Promuovere la cultura alimentare

Sempre nell’ottica di proseguire sulla strada della divulgazione della cultura alimentare, dopo il successo del progetto “Il gusto della salute: piccoli semi crescono” realizzato in collaborazione con Banca d’Alba, l’azienda Raineri ha aderito nel corso del 2017 al progetto “Ragazzi in azienda” promosso da Regione Liguria, realizzato da Confindustria Liguria con le Associazioni industriali di Genova, Savona, La Spezia e Imperia e il patrocinio dell’Ufficio Scolastico Regionale per la Liguria. Il progetto ha avuto come obiettivo principale il permettere ai ragazzi di entrare in contatto con le eccellenze dell’economia del territorio attraverso un percorso strutturato di orientamento volto a creare continuità tra istruzione e scelte lavorative future, ospitando nella propria sede alcuni classi dell’Istituto Littardi di Imperia: grazie a questa iniziativa gli studenti hanno avuto modo di visitare il museo storico dell’azienda, la zona di stoccaggio dell’olio, l’imbottigliamento e hanno avuto la possibilità di interagire con i collaboratori dell’azienda.

 

 

 

Da sapere!

I tumori pediatrici più comuni sono le leucemie, e, tra queste, la leucemia linfoblastica acuta, che ha tassi di sopravvivenza nell’ordine del 90%. Secondi in ordine di frequenza sono i tumori del sistema nervoso centrale, seguiti dai linfomi. Questi tre gruppi di malattie sono responsabili di oltre due terzi dei casi di cancro nell’infanzia.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Ho un neo che mi fa paura: aiuto!
17/07/2019 Gli Specialisti Rispondono

A fronte di un neo diverso dagli altri, specialmente se comparso di recente e con tendenza a modificarsi per forma, colore e dimensione è irrinunciabile sottoporsi tempestivamente a un controllo dermatologico.   »

Bimbo di 16 mesi molto vivace: che fare?
16/07/2019 Gli Specialisti Rispondono

E' normale che a 16 mesi il bambino voglia misurarsi con le sue nuove capacità psicomotorie: quello che gli si deve impedire è di farsi male, ma in generale è meglio non eccedere con i no.  »

Quanto peserà il mio bambino?
21/06/2019 Gli Specialisti Rispondono

L'ecografia fornisce una stima del peso del bambino, che va considerata con prudenza in quanto il margine di errore in più o in meno è circa del 10 per cento. Indicare quanto peserà esattamente il bambino alla nascita non è dunque possibile.   »

Fai la tua domanda agli specialisti