Gravidanza, un test del DNA aiuta ad affrontarla al meglio

Contenuto sponsorizzato

In dolce attesa, il pratico test GeneFood Mamma aiuta ad adeguare la dieta e lo stile di vita al proprio DNA, per la salute della futura mamma e del bambino

Gravidanza, un test del DNA aiuta ad affrontarla al meglio

Durante la gravidanza l’alimentazione influenza in maniera significativa la salute della futura mamma e del bambino. Gli alimenti non sono tutti uguali e ognuno agisce in modo differente sull’organismo, in base al nostro DNA. Ecco perché, specie nei primi mesi di gravidanza, conoscersi meglio è importante anche per la salute e la crescita del piccolo. Il test del DNA GeneFood Mamma aiuta in modo semplice a modulare l’alimentazione in base al proprio DNA.

Un test unico, semplice e prezioso

Quello pensato da GeneFood Mamma è il primo test nutrigenetico specifico per le donne in dolce attesa. Progettato ed eseguito dall’Altamedica Healthcare Center di Roma, permette di analizzare la predisposizione genetica all’aumento di peso e alle principali alterazioni del metabolismo, che possono causare complicanze durante i nove mesi di attesa.

Una vera e propria “carta d’identità genetica”, che fornisce una lista di alimenti consigliati, sconsigliati e tollerati, ed è personalizzata in base al proprio profilo genetico. Per nutrirsi in modo sano e adeguare la dieta e lo stile di vita al proprio DNA.

 

Cheerful young pregnant couple relaxing on a couch together, woman having healthy breakfast

Anche on line in tutta Italia

Ma come funziona il test GeneFood Mamma? Niente di più facile. Una volta acquistato il kit (anche comodamente da Amazon) basta prelevare un campione di saliva con il pratico tampone e, in accordo con l’Altamedica Healthcare Center, organizzare il ritiro gratuito per il processo di estrazione e analisi del DNA. Entro 20 giorni dall’arrivo del campione in laboratorio, sarà possibile consultare il referto e conoscere il proprio regime alimentare.

55 varianti genetiche e tre categorie d’indagine

In un solo referto, la futura mamma troverà lo screening di ben 55 varianti genetiche, organizzate in tre categorie: Rischio patologie, Problemi nell’assorbimento di nutrienti indispensabili in gravidanza e Intolleranze alimentari. Nel primo gruppo viene valutato il rischio cardiovascolare, la tendenza all’aumento di peso in gravidanza, il metabolismo dei grassi, la sensibilità ai carboidrati raffinati, l’iperglicemia e il rischio di diabete e insulino-resistenza.

Viene poi presa in esame la capacità di assorbire i nutrienti indispensabili in gravidanza, cioè l’acido folico, il ferro, le vitamine D, B12 e B6, lo zinco, il sodio e il potassio. Infine, i ricercatori valutano la predisposizione alle intolleranze alimentari al glutine, al lattosio e al fruttosio. Per ogni categoria, il referto presenta un coefficiente di rischio e un commento stilato dal team di Genetisti dell’Altamedica Healthcare Center.

 

Young happy blurred pregnant woman on kitchen in red shirt, hold hand on belly,on front table bowl with mix fruits, healthy pregnancy concept

Esperienza e sicurezza 100% made in Italy

100% made in Italy, dietro il test del DNA di GeneFood Mamma c’è tutta l’esperienza nella diagnosi prenatale e nella medicina materno-fetale di Altamedica. Un’esperienza clinica di circa 50 anni che, integrandosi con le più recenti scoperte nutrigenetiche, ha permesso ai suoi genetisti di selezionare e testare al meglio le varianti genetiche più rilevanti per la salute delle future mamme e dei loro bambini.

 

 
 
 

Da sapere!


Prima e dopo l’acquisto, Altamedica mette a disposizione un servizio di consulenza gratuito per le mamme e per gli specialisti che le seguono. È sufficiente inviare una mail a info@genefood.it oppure telefonare allo 06. 8505.800.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Contenuto sponsorizzato

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Fontanella anteriore chiusa in una bimba di 4 mesi: è preoccupante?

20/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Se l'accrescimento della circonferenza cranica è regolare e se lo sviluppo neuropsicologico è adeguato all'età, la chiusura precoce della fontanella non deve destare alcuna preoccupazione.   »

Come togliere il seno a un bimbo di 18 mesi (difficile da gestire)?

15/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Banale eppure risolutivo: per smettere di allattare, quando diventa un peso insostenibile, basta non offrire più il seno e passare alla tazza.   »

Quarto cesareo: ci saranno problemi?

13/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo è sempre un intervento difficile per i medici, perché è possibile che i precedenti abbiano lasciato aderenze tra i tessuti uterini e gli organi circostanti, ma questo non significa che non possa andare comunque tutto per il meglio.  »

Bimbo di 4 mesi con fossette nella piega interglutea: c’è da preoccuparsi?

12/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

E' davvero raro che una piccola anomalia in prossimità dell'ano che vari specialisti hanno considerao priva di significato dal punto di vista medico possa essere la spia di spina bifida.   »

Bimbo con dolore forte al lato sinistro dell’addome

05/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Annamaria Staiano

La causa più frequente di un dolore intenso nella parte alta e sinistra dell'addome è quella che i pediatri americani definiscono "stitichezza occulta".  »

Camera gestazionale piccola: c’è da preoccuparsi?

16/08/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se le dimensioni dell'embrione sono giuste per l'epoca, possono non essere significative quelle della camera gestazionale.  »

Fai la tua domanda agli specialisti