La gravidanza? Sì a un approccio a 360 gradi

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 05/05/2016 Aggiornato il 05/05/2016

Stile di vita, alimentazione, relazione di coppia e rapporto con il bebè: sono tutti aspetti da affrontare per una gravidanza serena. Se ne parla a Modena nel week end

La gravidanza? Sì a un approccio a 360 gradi

In gravidanza è necessario un approccio multidisciplinare, che coinvolga non solo specialisti come ginecologi e ostetriche, ma anche professionisti formati nel campo dell’alimentazione, della psicologia, dell’immunologia. È ormai appurato da diversi studi, infatti, che lo stile di vita, l’alimentazione, la relazione di coppia influiscono sullo sviluppo del nascituro e la serenità della madre. Per questo Esprit, centro di formazione della salute e del benessere, e l’Associazione psicoimmunologia italiana, hanno organizzato un incontro intitolato “Le gravidanze leggere”, riservato non solo alle coppie di genitori in attesa, ma anche a ostetriche, psicologi, dietisti, infermieri pediatrici, medici, farmacisti.

Tanti gli argomenti affrontati

L’evento verterà sulla formazione del nascituro con un approccio olistico, abbracciando discipline diverse e affrontando le diverse fasi della gravidanza, fino al parto e ai primi mesi di vita del bambino. Siccome in gravidanza è necessario un approccio multidisciplinare, si parlerà di tanti argomenti, come il ruolo del microbiota (l’insieme di batteri “buoni” che popolano l’organismo e proteggono dalle malattie) nel mantenimento di difese immunitarie forti e nella prevenzione di alcune patologie, il sistema immunitario del bambino nei primi 36 mesi di vita, l’alimentazione sia durante i nove mesi dell’attesa sia dopo, con particolare attenzione al periodo dell’allattamento e dello svezzamento, e molto altro.

Emozioni in primo piano

Grande spazio verrà dato all’aspetto psicologico ed emozionale, con focus sulla costruzione di una sana ed equilibrata relazione “a tre” tra mamma, papà e bambino. Verrà approfondita l’esperienza unica della gestazione ripensandola da un punto di vista olistico, utilizzando un approccio clinico multidisciplinare basato sull’interazione non solo tra mente e corpo, ma anche tra la coppia di genitori e il nascituro.

Un pool di esperti

A spiegare che in gravidanza è necessario un approccio multidisciplinare sarà un autorevole team di esperti composto dalla dottoressa Annamaria Agnano, sociologa, psicologa, psicoterapeuta e fondatrice dell’Associazione psicoimmunologia italiana, il professor Angelo M. Di Fede, immunologo, allergologo e presidente dell’associazione, e la dottoressa Daniela Gherardini, specialista in ostetricia e ginecologia, omeopatia, omotossicologia e medicine integrate, dietologa. 

 

 

 
 
 

da sapere!

L’evento si terrà venerdì 6 e sabato 7 maggio 2016 al Best Western Hotel di Campogalliano, via del Passatore 160 (Modena). È a pagamento sia per le coppie sia per gli addetti ai lavori.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Continue infezioni delle vie urinarie: che fare?

27/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui si vada incontro a numerose infezioni delle vie urinarie diventa necessario rivolgersi a uno specialista in urologia o uro-ginecologia per farsi indicare il percorso terapeutico più efficace e, quindi, risolutivo.   »

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Fai la tua domanda agli specialisti