Lokomat, in Italia ecco il robot che aiuta i bambini a camminare

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 03/09/2014 Aggiornato il 03/09/2014

Pediatria, Lokomat arriva in Italia: il robot che aiuta i bambini a camminare disponibile all’ospedale Bambino Gesù di Santa Marinella

Lokomat, in Italia ecco il robot che aiuta i bambini a camminare

Sembra fantascienza e invece è realtà anche in Italia. All’ospedale Bambino Gesù di Santa Marinella da poche settimane è disponibile Lokomat, il robot che aiuta i bambini a camminare. Si tratta del primo strumento di questo tipo installato nella regione Lazio. Ecco come funziona.

Non tutti i bimbi riescono a camminare

Tutti i genitori aspettano con ansia il momento in cui il proprio bambino inizierà a muovere i primi passi. Purtroppo, però, alcuni non vivranno mai questa incredibile emozione. Infatti, una piccola percentuale di bimbi soffre di danni neurologici, presenti fin dalla nascita o acquisiti in seguito a incidenti o malattie, che comportano disabilità motorie più o meno serie. Di conseguenza, non hanno una piena funzionalità delle gambe e non riescono a camminare.

Nuove speranze da un robot

Ora anche in Italia c’è una nuova speranza: Lokomat, un macchinario di ultimissima generazione, da poco disponibile all’ospedale Bambino Gesù di Santa Marinella. Si tratta di uno speciale robot che aiuta i bambini a camminare, consentendo loro di eseguire una riabilitazione molto efficace.

È formato da quattro componenti

Il dispositivo in funzione in Italia controlla in tempo reale ogni passo del bambino, favorendo e correggendo i movimenti delle gambe. Lokomat è costituito da quattro parti principali:

– l’esoscheletro, una struttura che viene indossata dal bambino e ne controlla i passi;

– il tapis-roulant che segue i passi del piccolo in maniera sincronizzata;

– un sistema in grado di alleggerire il peso e ridurre la fatica;

– l’interfaccia con la realtà virtuale, che simula i movimenti del bimbo in ambienti diversi, facendolo anche divertire e, dunque, motivandolo.  

Il percorso riabilitativo prevede 20 sedute

Il nuovo robot che aiuta i bambini a camminare può essere usato a partire dai tre anni: infatti, può essere adattato alla lunghezza degli arti dei bambini in crescita. Il trattamento riabilitativo prevede in media 20 sedute, della durata di un’ora e mezza ciascuna. Secondo le stime degli esperti, il Lokomat potrà essere impiegato da almeno sei piccoli pazienti al giorno: il personale lo adatterà in relazione alle singole esigenze.

In dotazione a un centro di eccellenza

Lokomat è stato donato dalla Fondazione Roma al MARLab, il laboratorio di robotica e analisi del movimento dell’ospedale pediatrico Bambino Gesù di Santa Marinella (Ro). Si tratta del più grande centro di riabilitazione pediatrica del centro-sud Italia. Si occupa di gestire casi molto complessi, di valutare i deficit motori del bambino, di porre la diagnosi, di stabilire le cure e verificarne l’efficacia. Inoltre, si occupa di ricerca scientifica e dello sviluppo di nuove tecnologie avanzate.

 

In breve

NON SOLO A ROMA

Il robot che aiuta i bambini a camminare è disponibile anche in altre strutture specializzate in Italia. 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Ragazzina di 12 anni con problemi di comportamento

04/05/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

I 12 anni possono essere un'età complicata, ma la pazienza unita a un ascolto attento e affettuoso possono aiutare a fronteggiarli senza troppi scossoni.   »

Fibromi in gravidanza: sono pericolosi?

02/05/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

I fibromi in sé non costituiscono un pericolo per il bambino in utero, tuttavia è importante tenerli monitorati.  »

Embrione che non si vede alla quinta settimana

16/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Anna Maria Marconi

Fare un'ecografia troppo presto (prima della settima settimana) non serve a nulla e, in più, è causa di grandi spaventi che ci si potrebbe risparmiare se solo si avesse un po' di pazienza.  »

Fai la tua domanda agli specialisti