Malattie croniche: dall’osteopatia un aiuto per alleviare i disturbi

Miriam Cesta A cura di Miriam Cesta Pubblicato il 01/06/2021 Aggiornato il 01/06/2021

Dal 7 al 13 giugno visite gratuite per adulti e bambini con malattie croniche in oltre 550 osteopati

Malattie croniche: dall’osteopatia un aiuto per alleviare i disturbi

Per le persone che soffrono di malattie croniche un aiuto per ridurre i sintomi e migliorare la propria qualità di vita arriva dall’osteopatia. Ne sono convinti gli osteopati del ROI, il Registro degli Osteopati d’Italia, che spiegano che tra gli interventi sanitari volti alla cura e alla presa in carico dei pazienti cronici l’osteopatia riveste un ruolo sempre più importante nell’integrazione di strategie terapeutiche orientate al miglioramento delle condizioni di vita delle persone che soffrono di queste patologie.

Visite gratuite da oltre 500 osteopati

Proprio con l’obiettivo di informare i cittadini sul supporto che l’osteopatia può offrire ai pazienti che presentano una o più malattie croniche e di dare impulso alla ricerca scientifica in questo specifico campo della salute, dal 7 al 13 giugno oltre 550 osteopati aderenti al Registro degli Osteopati d’Italia apriranno gratuitamente le porte dei loro studi sparsi in tutta Italia ai pazienti cronici.

Promozione attiva della salute

La settimana di visite gratuite ai soggetti con malattie croniche nasce nell’ambito del progetto CronOs – Cronicità e Osteopatia promosso dal ROI, che ha visto la luce per la prima volta nel luglio 2019 con la partecipazione del ROI alla Maratona Patto per la Salute, un’iniziativa promossa dal ministero della Salute per la “promozione attiva della salute, anche tramite l’educazione della popolazione ai corretti stili di vita, nonché alla assunzione del bisogno di salute prima dell’insorgere della malattia o prima che essa si manifesti o si aggravi, anche tramite una gestione attiva della cronicità”.

Collaborazione tra diversi professionisti

“Il ministero della Salute sottolinea nel Piano Nazionale della Cronicità che nel trattamento delle pluripatologie è importante la collaborazione tra diversi professionisti sanitari e la gestione del paziente nella sua interezza. Con il progetto CronOs il ROI vuole fornire una prima risposta concreta”, spiega la presidente ROI Paola Sciomachen.

Iniziativa per adulti e bambini

L’iniziativa è rivolta ai pazienti, adulti e bambini, che soffrono di disturbi cronici. Per prenotare la propria visita gratuita è sufficiente scegliere l’osteopata aderente al progetto più vicino. L’elenco completo si trova sul sito www.progettocronos.it nella sezione “Come partecipare”, dove è disponibile una mappa interattiva. Una volta effettuata la scelta, i pazienti potranno contattare direttamente l’osteopata, chiamando il numero che gli sarà inviato via mail una volta compilato il modulo con i propri dati.

 

 

 
 
 

Da sapere!

Secondo uno studio realizzato nel 2019 per il ROI e condotto su un campione di 770 osteopati, la maggioranza dei pazienti che si rivolge a un osteopata riferisce disturbi cronici, ha un’età media compresa tra i 50 e i 55 anni e tra questi il 63% sono donne.

 

Fonti / Bibliografia

  • REGISTRO DEGLI OSTEOPATI D’ITALIAUltime News Resta aggiornato consultando tutte le novità ROI Perchè associarsi al ROI Vuoi essere informato in tempo reale sulla tua professione di osteopata? Vuoi essere costantemente aggiornato con i corsi gratuiti per i soci? Vuoi partecipare al Congresso
  • ROI – Cronos
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo difficile, mamma esasperata

11/01/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Può essere davvero emotivamente insostenibile gestire un bambino che urla e piange ogni volta che ci si allontana. Ma la soluzione ci può essere.   »

E’ possibile che l’ecografia non visualizza la gravidanza?

11/01/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Arianna Prada

Se l'ecografia viene eseguita troppo presto non è possibile,bensì sicuro che la gravidanza non venga visualizzata, anche nell'eventualità in cui abbia avuto inizio. Per questo si suggerisce (inascoltati) alle donne di non effettuarla prima della sesta settimana.   »

Fimosi in un bimbo di quattro anni: che fare?

07/01/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

A volte per risolvere la fimosi è sufficiente la "ginnastica prepuziale", tassativamente vietata prima dei due anni di vita (salvo casi particolari), che richiede dolcezza e mano lieve, perché diversamente si rischia un peggioramento della situazione.   »

Fai la tua domanda agli specialisti