Mangiando si impara

Contenuto sponsorizzato

Tutti a tavola, è ora di fare lezione! Proprio così: sarà una lezione divertentissima, dedicata ai bambini, che parte dall'orto e finisce a scuola...

Mangiando si impara

Mangiare sano è bello e fa bene: una lezione da imparare fin da piccoli. Per i bambini tra i 6 e gli 11 anni l’educazione alimentare può diventare super divertente grazie al Programma “Frutta e verdura nelle scuole”, promosso dall’Unione europea e realizzato dal Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali, con la collaborazione del Ministero dell’Istruzione, del Ministero della Salute e delle Regioni e Province autonome di Trento e Bolzano.

+Mangiando si impara

Attraverso la distribuzione di frutta e verdura pronte da gustare direttamente a scuola, insieme a tante attività come laboratori, corsi di degustazione e visite a fattorie didattiche, i bambini impareranno che ogni verdura ha la sua stagione, che il mondo della frutta è dolcissimo e colorato e che lo spreco a tavola è un nemico da combattere. Negli anni, una media di ben 1 milione di alunni con le loro famiglie sono stati coinvolti: cosa aspetti a iscrivere la tua scuola? Sono già aperte le iscrizioni per l’a.s. 2020/21, così da incrementare il consumo di frutta e verdura da parte dei bambini delle scuole primarie. E voi avete già iscritto la vostra scuola? Avete tempo fino al 24 luglio!

Le olimpiadi della frutta

Tutte le conoscenze apprese durante il Programma verranno messe (è proprio il caso di dirlo) a frutto, in un grande torneo indetto tra tutte le classi d’Italia, che si svolgerà via web, e in cui, tramite foto, disegni, video o testi, ogni alunno dovrà contribuire a realizzare l’elaborato finale della sua classe. Lo scopo? Vincere il campionato nazionale più colorato e saporito che c’è! Se poi gli adulti di casa si lasceranno coinvolgere… meglio ancora! Perché questo è l’unico concorso in cui l’aiuto del pubblico non solo è concesso, ma viene premiato.

La formazione degli insegnanti

Seminari e corsi approfonditi attendono i docenti delle scuole primarie che parteciperanno al Programma: questo perché spetterà proprio a loro guidare i bambini nella conoscenza (teorica e sensoriale) dei prodotti dell’orto, cercando di incuriosirli e sensibilizzarli al tema.

Scuola in campo

Incontri nelle scuole con dietisti e/o nutrizionisti formati presso il Centro di ricerca CREA Alimenti e Nutrizione, avranno lo scopo di spiegare a insegnanti, alunni e, a volte, ai loro familiari i concetti base di una corretta alimentazione, nonché l’importanza del consumo quotidiano di frutta e verdura, con qualche suggerimento per far apprezzare di più ai bambini tutti i prodotti vegetali… broccoli compresi!

1200x1200_display_2

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Contenuto sponsorizzato

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

C’è una pianta officinale per favorire la lattazione?

17/10/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Antonello Sannia

Esiste una buona documentazione scientifica che comprova gli effetti benefici del Cardo mariano sulla lattazione.   »

Dosaggio delle beta-hCG a nove giorni dal rapporto a rischio

12/10/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Gaetano Perrini

Un prelievo di sangue effettuato a pochi giorni dal rapporto sessuale per verificare se il concepimento è avvenuto fornisce un risultato non attendibile, Meglio evitare.   »

Bimba che fatica ad addormentarsi: le si può dare la melatonina?

06/10/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Francesco Peverini

Dormire è fondamentale per tutti, ma in particolare per i bambini: cercare un rimedio contro un eventuale disturbo del sonno è dunque opportuno.   »

Sono incinta: posso continuare ad allattare?

14/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se lo si desidera, non c'è ragione di smettere di allattare quando inizia una nuova gravidanza.   »

Fai la tua domanda agli specialisti