Meduse: cosa fare e… cosa no!

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 12/07/2017 Aggiornato il 12/07/2017

In caso di puntura occorre agire subito, applicando un prodotto specifico come PostPungello Jellyfish che elimina fastidi e bruciori. Ma è anche possibile prevenire le punture di medusa, ecco come

Meduse: cosa fare e… cosa no!

Alzi la mano chi, pensando al mare, non pensi a fare un bel bagno in acque cristalline. E alzi la mano chi, sognando di fare una bella nuotata nel mare, non pensi immediatamente al rischio di incontrare una o più meduse sul suo percorso. A tutti – direttamente o indirettamente – sarà capitato di avere a che fare con queste creature del mare, tanto affascinanti quanto pericolose. Ma sapete cosa succede alla pelle quando si è punti da una medusa e quali rimedi adottare? Ecco un elenco di cose da fare (e da non fare) in caso di contatto con una medusa.

Cosa fare

I tentacoli della medusa a contatto con la pelle rilasciano una sostanza fortemente urticante, causando una reazione infiammatoria locale che dà bruciore, dolore e arrossamento. Per porre rimedio è sufficiente:
– sciacquare con acqua di mare per lavare via i residui di medusa e diluire le tossine;
– applicare, anche ai bambini, un gel astringente a base di cloruro di alluminio (come PostPungello Jellyfish) sulla parte pulita e asciutta fino all’attenuazione del prurito.

Cosa non fare

Se la medicazione corretta consiste per grandi e piccoli nell’applicazione di gel astringenti al cloruro d’alluminio, ci sono invece delle cose che non vanno fatte per evitare il peggiorare della situazione:
–  grattarsi o strofinare sabbia sulla parte dolorante;
– usare medicazioni estemporanee o rimedi fai-da-te a base di ammoniaca, aceto, alcool o succo di limone.

Il rimedio da avere sempre con sé

Insieme al costume e alla crema solare nella valigia del mare non può quindi mancare Post Pungello Jellyfish, il rimedio contro l’irritazione cutanea causata dal contatto con i tentacoli delle meduse. Questo gel, in vendita in farmacia, agisce in fretta dopo il contatto con la medusa grazie alla sua particolare composizione a base di cloruro di allumino  (ad azione astringente, antiprurito e coadiuvante nel controllo della crescita batterica), gel di aloe vera (che lenisce l’irritazione, protegge e ripara la pelle), acido ialuronico (che cicatrizza e ricostruisce i tessuti dopo il trauma) ed estratto di calendula (che agisce come lenitivo sulla cute infiammata). Il gel deve essere applicato delicatamente il prima possibile dopo il contatto con la medusa, e deve essere riapplicato più volte fino ad attenuazione totale del prurito.

Prevenire le punture è possibile!

Oltre a curarle, le punture di medusa possono anche essere prevenute. Per fare bagni e nuotate in tranquillità ed evitare di venir toccati dalle meduse si possono utilizzare preparati appositi anche della stessa linea del PostPungello Jellyfish. Si tratta di specifiche lozioni spray a effetto filmante di ultima generazione – acquistabili in farmacia – che evitano il rischio di urticazioni derivanti dal contatto con la medusa: a base di plancton (ad azione protettiva, idratante, antistress e detossinante nei confronti delle aggressioni ambientali), glicosaminoglicani (ad azione fortemente idratante e sostenitrice della riparazione delle lesioni cutanee), lantanio cloruro (che interferisce con il processo di rilascio delle sostanze urticanti) e siliconi e olii (che formano una barriera protettiva), formano una sorta di film protettivo sulla cute. Resistenti all’acqua e al sudore, si applicano spalmandoli su tutta la superficie corporea e sono adatti anche ai bambini.

BIMBISANIEBELLI.IT PER SANIFARMA

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Escursione a 1650 metri: si può portare un bambino?

13/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Un bimbo di tre anni può avere problemi di adattamento se viene portato ad altitudini superiori ai 2500-3000 metri.  »

Il Sars-CoV-2 può rendere sterile il mio bambino?

13/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Matteo Bassetti

Che l'infezione causata dal nuovo coronavirus possa provocare infertilità maschile è solo un'ipotesi non dimostrata.   »

A due anni perché non parla ancora?

12/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Daniela Biatta

Fino ai tre anni di età, una volta esclusi deficit di qualsiasi natura, si può ipotizzare la non grave condizione di "parlatore tardivo"  »

Fai la tua domanda agli specialisti