Nausea, dallo zenzero un aiuto per grandi e piccini

Contenuto sponsorizzato

Utilizzato già in antichità, lo zenzero rappresenta ancora oggi un pratico e naturale aiuto contro le diverse forme di nausea che colpiscono grandi e piccini

Nausea, dallo zenzero un aiuto per grandi e piccini

Originario dell’Asia, lo zenzero è una pianta erbacea perenne della famiglia delle Zingiberacee. È un rimedio antichissimo, già apprezzato da Greci e Romani. Soprannominato “la meraviglia dell’Universo” dai giapponesi, è considerato un vero e proprio medicinale dalla medicina tradizionale cinese, così come da quella ayurvedica e tibetana, che lo utilizzano per alleviare gli stati di nausea e i disturbi digestivi. Il rizoma, cioè il fusto dello zenzero che si sviluppa sottoterra, può essere utilizzato fresco o fatto essiccare. Contiene oli essenziali e composti chiamati gingeroli e shogaoli, che gli conferiscono il caratteristico sapore pungente e leggermente piccante.

Nausea: un disturbo generalizzato

La nausea è un disturbo molto comune negli adulti, ma colpisce anche i bambini. Si presenta come una sensazione non dolorosa, ma molto sgradevole che provoca il desiderio di rimettere. Il termine nausea deriva, infatti, dal latino “naus” (nave), un riferimento chiaro alle tipiche e condivise sintomatologie del mal di mare, tra queste: ipersalivazione, ipersudorazione, aumento della frequenza cardiaca, alterazione della motilità gastrica, pallore cutaneo e debolezza generalizzata.

Numerose cause scatenanti

Quando è causata dal mal di mare o dal mal d’auto si parla di cinetosi, ma la nausea può derivare anche da gastroenterite o cattiva digestione. In molti casi, inoltre, la nausea è spesso associata alla gravidanza, in particolar modo ai primi mesi di gestazione. Per tutti questi disturbi, la natura ci viene in soccorso fornendoci le proprietà benevole dello zenzero, che svolge un’azione antinausea mirata, favorisce le funzionalità digestive, regola la motilità gastrointestinale e facilita l’eliminazione dei gas in eccesso.

 

NoNausea1

 

I disturbi dei più piccoli

Anche nei bambini la nausea può essere causata da diversi disturbi. Il primo, proprio come negli adulti, è la cinetosi, che è causata da una discordanza tra quello che si vede e il movimento percepito dal cervello. Si passa poi a disturbi derivati dall’alimentazione. La gastroenterite è un’infiammazione che interessa intestino e stomaco e, tra vomito e diarrea, può portare a disidratazione. La cattiva digestione porta invece con sé un senso di malessere generalizzato caratterizzato da pesantezza postprandiale, sazietà precoce, nausea e a volte vomito e senso di gonfiore. Infine, può capitare che intolleranze alimentari e nausea siano correlate. Quando la causa scatenante della nausea è un’intolleranza ne conseguono altri sintomi come diarrea, vomito e dolori addominali. 

Gastroenterite, non così rara

Diversi studi dimostrano che lo zenzero rappresenti un valido aiuto anche per contrastare la nausea di adulti e bambini. Uno studio condotto dal professor Roberto Berni Canani dell’Università Federico II di Napoli, rivela in anteprima le preziose qualità delle zenzero contro la nausea e il vomito nei bambini con gastroenterite acuta. Un’eventualità non così remota, visto che gli esperti stimano come praticamente tutti i bambini accusino almeno un episodio di gastroenterite acuta entro i primi tre anni, con una media annua di 3-5 miliardi di casi a livello mondiale. Oltre allo zenzero, in caso da nausea, gli esperti consigliano di respirare in modo regolare e rilassarsi, magari masticando dei piccoli pezzetti di ghiaccio fino a che la situazione di malessere non svanisce.

NoNausea2

 

Un valido aiuto sempre a portata di mano

Un valido aiuto arriva dalla linea di integratori a base di zenzero NoNausea®, coadiuvante in caso di nausea nei bambini. In bustine liquide, NoNausea® aiuta a ritrovare un rapido sollievo. Il contenuto può essere assunto in purezza, diluito in acqua, ma anche congelato da gustare come un ghiacciolino al sapore di cola-lime. E quanto sono in programma lunghi viaggio in auto, nave o aereo, la linea NoNausea® è anche nel pratico formato gomme da masticare e in gocce, da portare sempre con sé.

 

 
 
 

Da sapere!

È buona norma, prima di somministrare gli integratori ai bambini, chiedere sempre consiglio al proprio pediatra di fiducia.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Contenuto sponsorizzato

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Pancione: quali traumi (urti, colpi, pressioni) possono danneggiare il bambino?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Qualsiasi trauma addominale che provoca dolore deve essere sottoposto velocemente all'attenzione di un medico del pronto soccorso ostetrico.   »

Risvegli notturni dopo mesi di sonno tranquillo

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Può capitare che a nove mesi inizino i risvegli notturni: possono esserne corresponsabili l'ansia da separazione e la dentizione.   »

Bimbo “atopico”: quali accorgimenti per controllare l’eczema?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

La detrmatite atopica è una malattia cronica che va trattata con i farmaci (in particolare, creme cortisoniche) e controllata mettendo in pratica alcune strategie relative allo stile di vita.  »

Feto con un ventricolo cerebrale lievemente più grande

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Se le dimensioni dei ventricoli cerebrali sono maggiori dell'atteso, ma non superiori ai quelle ritenute normali non si è autorizzati a pensare a una patologia.   »

Fai la tua domanda agli specialisti