Oggi è la giornata dedicata all’obesità. Tante le iniziative

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 10/10/2014 Aggiornato il 10/10/2014

Il 10 ottobre si celebra la giornata nazionale dell’obesità. Un’iniziativa che si propone di sensibilizzare e informare su una malattia sempre più diffusa

Oggi è la giornata dedicata all’obesità. Tante le iniziative

In Italia circa 1 persona su 10 è affetta da obesità e 3 su 10 da sovrappeso. Sono numeri che spaventano, anche alla luce del fatto che sono cresciuti in poco tempo. Ecco perché anche quest’anno l’Adi, Associazione italiana di dietetica e nutrizione clinica, ha promosso l’Obesity day, un’iniziativa di informazione e sensibilizzazione che si celebra, come ogni anno, proprio oggi, il 10 ottobre.

È un accumulo di tessuto adiposo

Per obesità si intende l’accumulo di tessuto adiposo nel corpo. Si tratta di un tessuto composto prevalentemente da adipociti (cellule grasse), poca acqua, collagene (proteina del tessuto connettivo) e glicogeno (riserva energetica). È il risultato di un bilancio energetico in attivo: in pratica, nasce quando si introduce più energia di quanta se ne consumi. Di conseguenza, le calorie e i grassi non vengono smaltiti e si accumulano nel tessuto adiposo.

Gli obiettivi dell’iniziativa

In Italia, l’eccesso di peso riguarda il 45,4% della popolazione adulta, pari a 20 milioni di persone. La situazione non è migliore nell’età infantile: ben il 36% dei bambini con età media di otto anni ha problemi di questo tipo. Ecco perché L’Adi organizza ormai da 14 anni l’Obesity day. Gli obiettivi di questo appuntamento sono principalmente tre:

– sensibilizzare i cittadini sull’obesità, sulla sua diffusione sempre più massiccia e sulle sue conseguenze;

– promuovere i servizi di dietetica presenti sul territorio nazionale, spiegando come funzionano;

– informare la popolazione, ma anche le istituzioni e i mezzi di comunicazione, sul ruolo dei servizi di dietetica.

L’importanza dell’attività fisica

Quest’anno, uno dei messaggi che vogliono lanciare gli esperti riguarda l’importanza dell’attività fisica. Uno stile di vita attivo, che preveda anche la pratica di uno sport, infatti, è uno dei cardini della prevenzione e anche della cura. A maggior ragione nei bambini, oggi sempre più pigri e avvezzi a trascorrere il tempo libero davanti a videogiochi e tablet  piuttosto che in un parco, in un campo di calcio o in una palestra.

Per l’occasione consulenze gratuite

In occasione dell’Obesity day, i 200 servizi di dietetica presenti sul territorio nazionale apriranno le loro porte al pubblico. Il personale sarà disponibile per distribuire materiale divulgativo e fornire consulenze gratuite sull’obesità. La speranza è di aiutare concretamente le persone e, al tempo, stesso informarle in maniera corretta. Per conoscere l’elenco dei Centri Adi che aderiscono all’iniziativa si può visitare il sito internet: http://www.obesityday.org

In breve

UN PROBLEMA, TANTE CAUSE

L’obesità è sicuramente una malattia su base genetica. Tuttavia, nel suo sviluppo intervengono anche tutta un’altra serie di fattori. Ecco perché lo stile di vita è così importante.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Ovaio policistico a 20 anni: in quanto tempo gli integratori fanno effetto?

19/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Nessun preparato compie miracoli: per contrastare la sindrome dell'ovaio policistico che viene messa in relazione con il sovrappeso è necessario prima di tutto modificare il proprio stile di vita, a partire dall'alimentazione.  »

Quali regole per prevenire la toxoplasmosi?

19/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Le regole che consentono di evitare il contagio da parte del Toxoplasma sono semplicissime ed efficaci.   »

Bimbo di sette mesi con un “buchetto” sopra il sederino: è preoccupante?

16/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

La presenza di una fossetta sacro-coccigea a fondo cieco, se non è associata ad altri segnali che possano far pensare a un problema della colonna vertebrale, non è significativa.   »

Fai la tua domanda agli specialisti