Paura della nausea da viaggio? Combattila con lo Zen…Zero

Contenuto sponsorizzato

Quasi 1 bambino su 3 soffre di cinetosi ovvero quel malessere tipico che si manifesta durante i viaggi; “in auto, in treno, in nave o in aereo”, in pratica in tutte le condizioni di movimento. Come si può gestire la nausea da viaggio? NoNausea® è un integratore alimentare a base di Zenzero, che svolge un’azione antinausea e favorisce la funzione digestiva e l’eliminazione dei gas.. Perché rinunciare alle avventure?

Paura della nausea da viaggio? Combattila con lo Zen…Zero

Da cosa dipende la nausea da viaggio?

La nausea da viaggio, o cinetosi, prende il nome dal termine greco κινητός, che significa mobile. Il fenomeno della cinetosi ha un’incidenza molto elevata nei bambini: ne soffre quasi un bambino su tre. Generalmente si manifesta in tutte le condizioni di movimento passivo. Per esempio quando siamo seduti sul treno, in barca, in macchina o in aereo. Le cause principali della cinetosi sono dovute a un’eccessiva stimolazione dei centri dell’equilibrio oppure alle situazioni in cui il cervello riceve informazioni contraddittorie che riguardano il movimento. Questo secondo caso si potrebbe verificare quando si osserva un oggetto in movimento mentre noi siamo fermi, quando guardiamo il paesaggio lateralmente rispetto alla direzione di marcia, quando giochiamo a un videogame o andiamo sulle giostre.
Anche gli astronauti sulla stazione spaziale possono soffrire di nausea da viaggio!

I sintomi del malessere da viaggio

I sintomi con cui si manifesta questo malessere sono i seguenti:
– nausea (in alcuni casi fino ad arrivare al vomito)
– pallore
– sudorazione fredda
– mal di testa
– eccessiva sudorazione
– vaga sensazione di malessere allo stomaco
– aumento della salivazione.

Questi sintomi, come ben si sa, tendono a passare quando smettiamo di muoverci. Questo avviene perché il nostro corpo, e in particolar modo quello dei bambini e delle donne in gravidanza, non riesce ad adattarsi al movimento, innescando un conflitto fra i centri del movimento e la percezione dello spazio circostante.

Alcuni consigli per affrontare la nausea da viaggio

Non facciamoci fermare da questo fastidio! Non bisogna rinunciare agli spostamenti, ai viaggi, alle vacanze di Natale passate con i nonni, al mare o alla montagna. Ci sono alcuni accorgimenti che possono prevenire la nausea da viaggio e il malessere che ne deriva.
– Partire quando il bambino ha ancora sonno: dormire aiuterà il bambino a non percepire le stimolazioni esterne.
– Evitare che il bambino legga o giochi con dispositivi: è importante che il piccolo guardi davanti a sé seguendo la direzione di marcia.
– Fare un piccolo spuntino prima di partire e fare piccoli e frequenti spuntini durante il viaggio a base di alimenti solidi.
– Evitare odori forti, pasti eccessivi e aria viziata. È importante fare piccole soste durante il viaggio in auto, per permettere al bambino di camminare e respirare aria fresca.
– Mantenere il veicolo ben arieggiato e fresco.

NoNausea_Articolo_1.600x800

NoNausea® Liberati dalla nausea con la formula dello Zen…zero

Un altro piccolo aiuto arriva dalla natura! La parte attiva dello zenzero è la radice, detta rizoma, utilizzata e conosciuta fin dall’antichità per le sue numerose proprietà benefiche.  NoNausea® è un integratore alimentare a base di Zenzero, utile in caso di nausea. Lo Zenzero infatti è conosciuto per svolgere un’azione antinausea e digestiva, grazie anche alla sua capacità di regolare la motilità gastrointestinale, e favorisce l’eliminazione dei gas.

 

IN TANTI FORMATI

Puoi trovare NoNausea® nel pratico formato bustine liquide. Il contenuto delle bustine può essere assunto tale e quale, diluito in acqua, oppure congelato per essere consumato come gustoso ghiacciolino al gusto cola-lime. NoNausea® è anche in formato gomme da masticare, pratico da portare sempre con sé. Liberati dalla Nausea con NoNausea®. Chiedi al tuo Pediatra!

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Contenuto sponsorizzato

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimba di tre anni che fa sempre le stesse domande

26/03/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dott. Leonardo Zoccante

E' normale che un bambino di tre anni chieda e richieda spesso le stesse cose: le risposte che ottiene (e che ci devono sempre essere) gli servono per consolidare le sue conoscenze.   »

Quarto cesaeo: quali pericoli?

24/03/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Di fatto una quarta gravidanza dopo tre parti cesarei può presentare delle complicazioni che richiedono un controllo attento.   »

Incinta a 42 anni: quali rischi?

20/03/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

E' possibile che una gravidanza che inizia in età avanzata non vada a buon fine escusivamente per questioni anagrafiche, ma lo è anche che tutto proceda per il meglio.  »

Fai la tua domanda agli specialisti