Perché scegliere Biomecanics?

Contenuto sponsorizzato

Avallati da pediatri e professionisti infantili, le calzature Biomecanics sono totalmente adatte per ogni tappa dello sviluppo, fornendo al bambino comodità e soprattutto salute

Perché scegliere Biomecanics?

Biomecanis lavora da vent’anni insieme all’Istituto di Biomeccanica di Valencia (IBV) e collabora con l’Associazione Spagnola Infermieri Pediatrici (AEEP). È l’unico brand che ha studiato le basi scientifiche di come dev’essere una scarpa in ogni fase della crescita. Insieme all’IBV ha studiato in profondità, mettendo insieme conoscenze provenienti dalla biomeccanica, dall’ergonomia e dall’ingegneria emozionale. L’obbiettivo: fabbricare una scarpa che si adatti ai bisogni dei piedi dei più piccoli dal gattonamento fino alla deambulazione.

Biomecanics_aw2122_4

 

Una scarpa per ogni fase

Biomecanics è sinonimo di calzatura rispettosa che protegge e si adatta alla forma del piede in ogni fase dello sviluppo. La linea Biogateo, per il gattonamento e primi passi dà sicurezza e stabilità in ambienti non controllati proteggendo il piede senza limitare i movimenti, in questo modo i piedi crescono e si sviluppano in modo naturale. Durante la fase della deambulazione l’attività fisica del bambino aumenta, la linea Bioevolution, resiste all’uso intenso fornendo una gran libertà di movimento.

Biomecanics_aw2122_1

5 motivi per andare a scuola con Biomecanics

Il piede del bambino non smette di crescere e di evolversi, per far sì che i piedi si sviluppino correttamente e si sentano comodi, Biomecanics crea scarpe altamente tecnologiche, che superano tutti i test per la scelta di una buona calzatura, sia dai genitori che dai pediatri. Devi solo controllare che siano rispettati questi 5 punti per scegliere la miglior scarpa per tornare a scuola.

1 Dev’essere comoda e flessibile, puoi verificarlo per far sì che il bambino si senta comodo. Controlla sempre entrambi i piedi perché potrebbero esserci piccole variazioni tra uno e l’altro. Per sapere se è flessibile, piega la scarpa portando la punta verso il tallone, si dovrebbe flettere senza problemi. 

2 Controlla la lunghezza della scarpa se vuoi che il bambino si senta comodo, per farlo basta premere la punta della scarpa cercando il dito più lungo (generalmente il primo o il secondo dito) e devono rimanere dieci millimetri tra questo e la punta della scarpa per i bebè e quindici per i bambini. Biomecanics offre diversi modelli che si adattano alle necessità del piede del bambino in ogni fase della crescita.

3 Deve adattarsi perfettamente al piede del bambino.  Avrai fatto caso che i bambini hanno la pianta del piede più larga e molti, fino ai 2-3 anni hanno il collo del piede più “cicciotto” come i bebè. Biomecanics offre una forma che si adatta al piede di ogni bambino, devi controllare che la scarpa calzi al primo colpo senza usare calzascarpe.  

4 Dev’essere traspirabile. Bisogna evitare che il piede sudi, per questo abbiamo bisogno di una calzatura con la massima traspirabilità e la offriamo  con una scarpa in pelle come Biomecanics. 

5 Resistenti, man mano che il bambino cresce, aumenta anche la sua attività, per questo è importante una calzatura duratura. Biomecanics grazie alla sua punta rinforzata resiste ai graffi.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Contenuto sponsorizzato

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Fontanella anteriore chiusa in una bimba di 4 mesi: è preoccupante?

20/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Se l'accrescimento della circonferenza cranica è regolare e se lo sviluppo neuropsicologico è adeguato all'età, la chiusura precoce della fontanella non deve destare alcuna preoccupazione.   »

Come togliere il seno a un bimbo di 18 mesi (difficile da gestire)?

15/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Banale eppure risolutivo: per smettere di allattare, quando diventa un peso insostenibile, basta non offrire più il seno e passare alla tazza.   »

Quarto cesareo: ci saranno problemi?

13/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo è sempre un intervento difficile per i medici, perché è possibile che i precedenti abbiano lasciato aderenze tra i tessuti uterini e gli organi circostanti, ma questo non significa che non possa andare comunque tutto per il meglio.  »

Bimbo di 4 mesi con fossette nella piega interglutea: c’è da preoccuparsi?

12/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

E' davvero raro che una piccola anomalia in prossimità dell'ano che vari specialisti hanno considerao priva di significato dal punto di vista medico possa essere la spia di spina bifida.   »

Bimbo con dolore forte al lato sinistro dell’addome

05/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Annamaria Staiano

La causa più frequente di un dolore intenso nella parte alta e sinistra dell'addome è quella che i pediatri americani definiscono "stitichezza occulta".  »

Camera gestazionale piccola: c’è da preoccuparsi?

16/08/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se le dimensioni dell'embrione sono giuste per l'epoca, possono non essere significative quelle della camera gestazionale.  »

Fai la tua domanda agli specialisti