5 frasi da dire a una neomamma

Patrizia Masini A cura di Patrizia Masini Pubblicato il 21/10/2021 Aggiornato il 28/10/2021

La maternità non è sempre facile e ci sono momenti davvero duri da affrontare. Capitano alle neomamme ma non solo, anche a quelle che lo sono già da un po’. Ecco 5 frasi in grado di far tornare il sorriso a ogni mamma

5 frasi da dire a una neomamma

Oggi parliamo di maternità, ma in un modo differente, soffermandoci sulle difficoltà della maternità, che sono inevitabili. Partiamo dai primi mesi di maternità, quando si ha a che fare con un bimbo molto piccolo, periodo in cui sono più evidenti le difficoltà da affrontare, provate anche da molte ricerche scientifiche: dopo il parto la donna si trova in una situazione obiettivamente difficile, tra sbalzi ormonali, baby blues, consigli non richiesti e anche nottate in bianco. Come aiutare la mamma? E per una mamma, come auto-aiutarsi? A parte gli aiuti concreti che vanno sempre bene, ci sono piccole cose che si possono fare per far stare subito meglio la neomamma. Si tratta di trovare le parole giuste

Parole giuste da dirsi e ripetersi e parole giuste da dire a una mamma in un momento di difficoltà, momenti che capitano a tutte. Perché le parole aiutano e fanno stare meglio sia una neomamma sia una mamma che lo è gia da tempo, ma si trova in un momento di difficoltà.

ASCOLTA IL NOSTRO PODCAST

Per parlare di questo, per trovare le parole giuste, ci rifaremo a Sheila McCrave, più conosciuta come The Orange Rhino, il rinoceronte arancione. Sheila è una mamma americana di 4 figli, autrice del noto libro “Yell Less, Love More”, “Urla meno, ama di più”, dove lei racconta di come un giorno, dopo l’ennesima litigata con urla altissime ai suoi figli, si sia resa conto di essere stata vista e ascoltata da un suo vicino di casa e di come ci sia subito vergognata di se stessa. Dopo una notte insonne, alla mattina promise solennemente ai suoi figli e a se stessa che per un anno, per 365 giorni, non avrebbe più urlato e così è stato! Poco dopo aver fatto la sua promessa, per non perdere la motivazione e anche trovare supporto ha lanciato il suo blog the orange rhino, il rinoceronte arancione proprio perché il rinoceronte è un animale calmo e pacifico da cui poi è scaturito il famoso libro citato sopra, “Urla meno ama di più”, dove le racconta le lezioni apprese giorno per giorno, le alternative alle urla che ha trovato e anche le frasi che davvero aiutano una mamma in difficoltà come era stata lei per troppo troppo tempo e che le sarebbe piaciuto sentirsi dire.

E ora entriamo nel vivo e via alle 5 frasi da ripetere e ripeterci in ogni momento difficile.

1 Ti ammiro dove trovi l’energia per fare tutto

Le mamme compiono sforzi davvero titanici nonostante i postumi del parto gli ormoni ballerini e l’allattamento al seno o al biberon, tutti eventi che indeboliscono e debilitano, ma  riescono comunque a gestire le innumerevoli richieste di un bebè, a sopportare pianti prolungati e continui, a dormire pochissime ore per notte. per questo sapere che gli altri capiscono quanto si stanno impegnando è di grande consolazione e anche di incoraggiamento.

Inutile guardare le altre mamme e vedere che riescono a fare tutto. Anche noi siamo così, solo che non ci guardiamo, ma anche noi riusciamo a trovare l’energia per fare tutto.

Non sapete mai quanto un complimento possa aiutare un’altra persona a superare un momento difficile, una giornata problematica o un momento no e se non ve lo fanno ditevelo voi stesse: mi ammiro, trovo l’energia per fare tutto, sono proprio brava. Ripetitelo tutte le volte che senti di averne bisogno.

2 Stai facendo davvero un gran lavoro

Chi di noi non vorrebbe sentirselo dire? Tutte le neomamme, anche quelle con un carattere forte, devono affrontare quotidianamente dubbi, piccoli cedimenti e frustrazioni. Molte volte in più le neomamme sono esposte alle critiche più o meno velate di conoscenti parenti e amici Sentire ogni tanto una voce amica che dichiara di apprezzare i propri sforzi e sapere che si sta facendo bene è davvero bello e fa stare subito meglio.

3 So che è difficile

Inutile negarlo, Essere mamma e occuparsi di un neonato è complicato ma non tutti lo sanno e lo ammettono. Chi di voi, genitore, non ha pensato almeno una vota che avrebbe voluto scappare via da tutto e tutti. Magari non lo si dice, ma capita a tutti ma poche lo ammettono. Ecco perché quando qualcuno riconosce questa difficoltà, ci si sente più leggeri è compresi. E non giudicati.

4 Hai bisogno di un fazzoletto?

Si, un bel pianto liberatorio in certe situazioni fa davvero bene, Anche se dotate di risorse inesauribili, le donne che sono appena diventate mamme non sono eroine. Fra cura del piccolo, a volte anche cura di un fratellino o di una sorellina, gestione della famiglia e magari ripresa del lavoro, avere dei crolli emotivi è assolutamente normale. Rendersi conto che gli altri lo capiscono è di conforto oppure comunque aiuta a lasciarsi finalmente andare e sfogarsi un po’. In molti casi un bel pianto liberatorio può far stare subito meglio. Quindi se sei una mamma e hai voglia di piangere fallo pure, senza sentirti in colpa, se sei invece una persona vicina a una mamma che sta piangendo, non dirle Smetti di piangere ma lasciala sfogarsi e porgili un fazzoletto, o abbracciala, normative anti covid permettendo. Non c’è niente di male nel piangere.

5 Lasciati aiutare

Alcune persone non amano chiedere aiuto. Tutte le neomamme, proprio tutte, hanno bisogno di un supporto pratico e psicologico. Sì, dunque, a offrirsi di dare una mano anche nelle piccole cose e sì ad accettare questi aiuti. Si può chiedere alla mamma ciò che preferisce, per fare un esempio, si può proporle di tenere il bimbo mentre lei va a fare la spesa o l’inverso, andare noi a fare la spesa e consentirle di avere il frigorifero pieno. È la donna che deve decidere che cosa preferisce in quel dato momento.

Le frasi sono finite ma c’è una conclusione che potremmo trarre, fare la mamma è duro per tutte le mamme indipendentemente dal fatto che siano casalinghe, lavoratrici full time, single, sposate, mamme di quattro gemelli o mamme di un bambino solo. Essere genitori è difficile. Punto. È dura per tutti. Abbiamo tutti bisogno e meritiamo sostegno e rinforzo positivo. E se iniziamo a dirci le cose giuste, quei brutti giorni che tutti noi sperimentiamo non sembreranno così terribili.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

E’ gemellare la mia gravidanza?

29/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Arianna Prada

Per sapere se la gravidanza è gemellare nonché per capire se, eventualmente, è in evoluzione favorevole è necessario attendere che il tempo trascorra. Continuare a sottoporsi a controlli troppo presto non serve a ottenere risposte (ma ad aumentare l'ansia sì).   »

Pancione: quali traumi (urti, colpi, pressioni) possono danneggiare il bambino?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Qualsiasi trauma addominale che provoca dolore deve essere sottoposto velocemente all'attenzione di un medico del pronto soccorso ostetrico.   »

Bimbo “atopico”: quali accorgimenti per controllare l’eczema?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

La detrmatite atopica è una malattia cronica che va trattata con i farmaci (in particolare, creme cortisoniche) e controllata mettendo in pratica alcune strategie relative allo stile di vita.  »

Feto con un ventricolo cerebrale lievemente più grande

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Se le dimensioni dei ventricoli cerebrali sono maggiori dell'atteso, ma non superiori ai quelle ritenute normali non si è autorizzati a pensare a una patologia.   »

Fai la tua domanda agli specialisti