Prime scarpine, importante fare la scelta giusta

Contenuto sponsorizzato

Proteggere il piede del bambino senza limitarne la libertà nei movimenti è fondamentale per il suo corretto sviluppo e la sua salute. L’ideale? Scegliere le scarpine su misura per ogni fase, come quelle di Biomecanics

Prime scarpine, importante fare la scelta giusta

Quando il piccolo inizia a esplorare il mondo e a muoversi in autonomia, è importante supportarlo in ogni sua scoperta. Gattonare e muovere i primi passi in casa scalzo è consigliabile, perché permette al bambino di sviluppare stimoli e scoprire il mondo proprio attraverso i suoi piedi.

Un aiuto fondamentale

Dove, però, serve maggiore protezione, il primo importante aiuto che possiamo dare alla sua esplorazione è quello di scegliere la scarpina migliore per agevolare ogni suo passo, una calzatura che favorisca lo sviluppo senza limitare la libertà nei movimenti del piede, proprio come quelle Biomecanics.

I piedi di un bambino, infatti, sono diversi da quelli di un adulto: sono in piena e costante crescita e necessitano della giusta protezione e sostegno. Ecco perché Biomecanics ha progettato calzature capaci di adattarsi alla forma del piede in ogni fase della crescita, contribuendo così a un miglior sviluppo infantile e al mantenimento della sua salute.

inrerna 1

 

Scarpe studiate per il bambino

Capaci di adattarsi ai bisogni dei piedi del piccolo dalla fase del gattonamento alla deambulazione, le scarpine Biomecanics sono nate dalla collaborazione con l’Istituto di Biomeccanica di Valencia (IBV), un centro tecnologico che si occupa dello studio del comportamento del corpo umano e il suo rapporto con prodotti, ambienti e servizi di uso quotidiano, tramite conoscenze di biomeccanica, ergonomia e ingegneria emozionale per migliorare il benessere delle persone. Due le proposte, pensate per due distinte fasi di esplorazione: Biogateo e Bioevolution.

Linea Biogateo, per il gattonamento e i primi passi

Le calzature Biogateo sono perfette per supportare in sicurezza il gattonamento e i primi passi, offrendo al bambino condizioni simili a quelle di una camminata a piedi nudi, senza perdere gli stimoli.

Facili da indossare, hanno una suola iperflessibile in entrambe le direzioni che si adatta ai movimenti. Inoltre, presentano una scanalatura tallonare a forma di “U” che libera la pressione sul tendine di Achille, stabilizzatori laterali esterni in gomma che offrono sicurezza e stabilità lasciando libera la caviglia, e plantari estraibili e antibatterici, per una miglior traspirabilità del piede.

interna 2

Linea Bioevolution, per le sfide più stimolanti

Quando il bambino cresce e inizia a perfezionare la camminata, aumentando la sua attività fisica, le scarpine Bioevolution garantiscono resistenza, senza rinunciare alla libertà di movimento.

 

 
interna 3

Da sapere!

La sua esclusiva forma evolutiva cambia, oltre alla misura, conformazione per ogni taglia. Inoltre, punta e collo più larghi permettono la corretta crescita del piede e delle dita del bambino, per uno sviluppo ottimale una camminata sicura e perfettamente sostenuta.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Contenuto sponsorizzato

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Vaccino anti-CoVid-19: non è vero che ostacola la fertilità. Anzi.

21/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professor Matteo Bassetti

Non ci sono dati che autorizzino a sostenere che la vaccinazione contro l'infezione da Sars-CoV-2 interferisca sulla fertilità.   »

Fontanella anteriore chiusa in una bimba di 4 mesi: è preoccupante?

20/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Se l'accrescimento della circonferenza cranica è regolare e se lo sviluppo neuropsicologico è adeguato all'età, la chiusura precoce della fontanella non deve destare alcuna preoccupazione.   »

Come togliere il seno a un bimbo di 18 mesi (difficile da gestire)?

15/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Banale eppure risolutivo: per smettere di allattare, quando diventa un peso insostenibile, basta non offrire più il seno e passare alla tazza.   »

Bimbo di 4 mesi con fossette nella piega interglutea: c’è da preoccuparsi?

12/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

E' davvero raro che una piccola anomalia in prossimità dell'ano che vari specialisti hanno considerao priva di significato dal punto di vista medico possa essere la spia di spina bifida.   »

Bimbo con dolore forte al lato sinistro dell’addome

05/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Annamaria Staiano

La causa più frequente di un dolore intenso nella parte alta e sinistra dell'addome è quella che i pediatri americani definiscono "stitichezza occulta".  »

Camera gestazionale piccola: c’è da preoccuparsi?

16/08/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se le dimensioni dell'embrione sono giuste per l'epoca, possono non essere significative quelle della camera gestazionale.  »

Fai la tua domanda agli specialisti