Prime scarpine, importante fare la scelta giusta

Contenuto sponsorizzato

Proteggere il piede del bambino senza limitarne la libertà nei movimenti è fondamentale per il suo corretto sviluppo e la sua salute. L’ideale? Scegliere le scarpine su misura per ogni fase, come quelle di Biomecanics

Prime scarpine, importante fare la scelta giusta

Quando il piccolo inizia a esplorare il mondo e a muoversi in autonomia, è importante supportarlo in ogni sua scoperta. Gattonare e muovere i primi passi in casa scalzo è consigliabile, perché permette al bambino di sviluppare stimoli e scoprire il mondo proprio attraverso i suoi piedi.

Un aiuto fondamentale

Dove, però, serve maggiore protezione, il primo importante aiuto che possiamo dare alla sua esplorazione è quello di scegliere la scarpina migliore per agevolare ogni suo passo, una calzatura che favorisca lo sviluppo senza limitare la libertà nei movimenti del piede, proprio come quelle Biomecanics.

I piedi di un bambino, infatti, sono diversi da quelli di un adulto: sono in piena e costante crescita e necessitano della giusta protezione e sostegno. Ecco perché Biomecanics ha progettato calzature capaci di adattarsi alla forma del piede in ogni fase della crescita, contribuendo così a un miglior sviluppo infantile e al mantenimento della sua salute.

inrerna 1

 

Scarpe studiate per il bambino

Capaci di adattarsi ai bisogni dei piedi del piccolo dalla fase del gattonamento alla deambulazione, le scarpine Biomecanics sono nate dalla collaborazione con l’Istituto di Biomeccanica di Valencia (IBV), un centro tecnologico che si occupa dello studio del comportamento del corpo umano e il suo rapporto con prodotti, ambienti e servizi di uso quotidiano, tramite conoscenze di biomeccanica, ergonomia e ingegneria emozionale per migliorare il benessere delle persone. Due le proposte, pensate per due distinte fasi di esplorazione: Biogateo e Bioevolution.

Linea Biogateo, per il gattonamento e i primi passi

Le calzature Biogateo sono perfette per supportare in sicurezza il gattonamento e i primi passi, offrendo al bambino condizioni simili a quelle di una camminata a piedi nudi, senza perdere gli stimoli.

Facili da indossare, hanno una suola iperflessibile in entrambe le direzioni che si adatta ai movimenti. Inoltre, presentano una scanalatura tallonare a forma di “U” che libera la pressione sul tendine di Achille, stabilizzatori laterali esterni in gomma che offrono sicurezza e stabilità lasciando libera la caviglia, e plantari estraibili e antibatterici, per una miglior traspirabilità del piede.

interna 2

Linea Bioevolution, per le sfide più stimolanti

Quando il bambino cresce e inizia a perfezionare la camminata, aumentando la sua attività fisica, le scarpine Bioevolution garantiscono resistenza, senza rinunciare alla libertà di movimento.

 

 
interna 3

Da sapere!

La sua esclusiva forma evolutiva cambia, oltre alla misura, conformazione per ogni taglia. Inoltre, punta e collo più larghi permettono la corretta crescita del piede e delle dita del bambino, per uno sviluppo ottimale una camminata sicura e perfettamente sostenuta.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Contenuto sponsorizzato

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tic in una bimba di tre anni e mezzo

17/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dott. Leonardo Zoccante

In presenza di tic che compaiono all'improvviso è buona regola prima di tutto effettuare alcuni specifici esami del sangue e un tampone faringeo per la ricerca dello streptococco.  »

Bimba di 18 mesi che non vuole più il latte

16/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

A svezzamento completato, il latte non è più indispensabile: come ottima alternativa c'è lo yogurt.   »

Una gravidanza dopo aver smesso l'”anello”: quanto ci vuole?

13/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisabetta Canitano

La possibilità di rimanere incinta dopo aver smesso la contraccezione ormonale varia da donna a donna: generalizzare non si può.  »

Fai la tua domanda agli specialisti