Race for the Cure: a Roma la corsa e gli appuntamenti contro il tumore al seno

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 15/05/2014 Aggiornato il 15/05/2014

Race for the Cure è una tre giorni di prevenzione dei tumori che da venerdì 16 maggio si conclude domenica con la corsa benefica per le vie di Roma

Race for the Cure: a Roma la corsa e gli appuntamenti contro il tumore al seno

Arriva dagli Stati Uniti l’idea di questa tre giorni di informazione e prevenzione per il tumore al seno chiamata Race for the Cure. Domani aprirà il Villaggio della Salute al Circo Massimo di Roma, con iniziative gratuite per tutta la famiglia, dedicate alla salute, allo sport e al benessere. E domenica l’evento simbolo: la corsa di solidarietà di 5 km tra le vie di Roma.

Visite mediche gratuite

Da venerdì 16 maggio al Circo Massimo di Roma iniziano tante attività per dire no ai tumori più tipici della donna, nello spirito di Race for the Cure. Innanzitutto c’è la possibilità di avere una consulenza medica specialistica orientata alla prevenzione non solo del tumore al seno ma anche di altri tumori molto diffusi, come quelli ginecologici o al colon. In più, verrà offerta anche la possibilità di effettuare approfondimenti diagnostici in loco.

Allenamenti con professionisti e laboratori

In un’altra parte del Villaggio della salute di Race for the Cure, all’insegna della “prevenzione in movimento”, è prevista la partecipazione degli atleti del Gruppo Sportivo Fiamme Gialle, che si metteranno a disposizione per offrire al pubblico attività dimostrative di judo, karate, tiro, canottaggio e canoa. In più, ci saranno laboratori di educazione alimentare e di benessere, per insegnare i corretti stili di vita che proteggono dal tumore al seno, come la gravidanza e l’allattamento prolungato.

La corsa non competitiva

L’evento simbolo della Race for the Cure è una corsa di solidarietà e di raccolta fondi della lunghezza di 5 km (o a scelta una passeggiata di 2 km) che si propone di esprimere solidarietà alle donne che si confrontano con il tumore del seno e di sensibilizzare l’opinione pubblica sull’importanza della prevenzione.

Donne in rosa

Caratteristica principale dell’evento è la presenza delle “Donne in Rosa”, donne che hanno affrontato personalmente il tumore del seno e che, per dimostrare un atteggiamento positivo con cui si confrontano con la malattia, scelgono di rendersi intenzionalmente visibili indossando una maglietta ed un cappellino rosa.

In breve

PER INFORMAZIONI E ISCRIZIONI

Per sapere tutte le attività previste in questa tre giorni e per iscriversi alla corsa si può contattare il sito ufficiale: www.komen.it.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti