“Scoperta dopo scoperta”: crescere secondo i propri tempi

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 04/12/2014 Aggiornato il 05/02/2015

Da Fisher-Price, con “Scoperta dopo scoperta”, arriva un messaggio di rispetto e attenzione per le naturali fasi della crescita dei bambini

“Scoperta dopo scoperta”: crescere secondo i propri tempi

 

INFORMAZIONE PUBBLICITARIA

Fisher-Price è sempre più vicina ai bambini, accompagnandoli con gioia, calore e attenzione nelle piccole e grandi scoperte quotidiane. Per questo, proprio sotto il nome del brand, ha voluto inserire la frase “Scoperta dopo scoperta” come messaggio di fantasia e rispetto per i tempi di ogni bambino.

“Scoperta dopo scoperta”

In un mondo che corre sempre di più, Fisher-Price ha voluto rimarcare che la crescita è un percorso personale che ha bisogno di essere supportato e accompagnato, ma mai forzato. La crescita è un percorso a tappe, non esistono tempi prestabiliti, ogni bambino ha un percorso personale e unico.

Imparano da soli

Non c’è un modo giusto e uno sbagliato per giocare: questo vuol dire anche “Scoperta dopo scoperta”. Il gioco è espressione e ogni bambino trova un suo modo per farlo, imparando come vuole lui ad afferrare, sentire, spingere, vedere, ascoltare, tirare, gattonare, muovere i primi passi, strillare e parlare. E quando i bambini scoprono da soli, la ricompensa e la gratificazione sono ancora maggiori.

Un aiuto con i giocattoli giusti

Tutti i giochi Fisher-Price sono orientati alla “Scoperta dopo scoperta”. Si caratterizzano per vicinanza alle esigenze del bambino e rispetto per le sue fasi di crescita: dalle soluzioni per la “Puericultura” alla linea “Primi mesi”, passando per i contenuti educativi della linea “Prime conquiste”, dai prodotti per stimolare le capacità motorie della gamma “Primi passi” a quelli proposti dalla linea “Gioco di immaginazione”. Fisher-Price conosce bene le tappe di apprendimento dei più piccoli e per ogni fase di sviluppo propone dei prodotti ad hoc. 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Distacco amniocoriale che non si riassorbe con il passare delle settimane

14/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In presenza di un distacco amniocoriale che non si risolve non serve intensificare i controlli, mentre sono utili il riposo e un'alimentazione che favorisca l'attività dell'intestino, perché la stipsi può favorire la comparsa prematura di contrazioni uterine.   »

Fai la tua domanda agli specialisti