“Scoperta dopo scoperta”: crescere secondo i propri tempi

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 04/12/2014 Aggiornato il 05/02/2015

Da Fisher-Price, con “Scoperta dopo scoperta”, arriva un messaggio di rispetto e attenzione per le naturali fasi della crescita dei bambini

“Scoperta dopo scoperta”: crescere secondo i propri tempi

 

INFORMAZIONE PUBBLICITARIA

Fisher-Price è sempre più vicina ai bambini, accompagnandoli con gioia, calore e attenzione nelle piccole e grandi scoperte quotidiane. Per questo, proprio sotto il nome del brand, ha voluto inserire la frase “Scoperta dopo scoperta” come messaggio di fantasia e rispetto per i tempi di ogni bambino.

“Scoperta dopo scoperta”

In un mondo che corre sempre di più, Fisher-Price ha voluto rimarcare che la crescita è un percorso personale che ha bisogno di essere supportato e accompagnato, ma mai forzato. La crescita è un percorso a tappe, non esistono tempi prestabiliti, ogni bambino ha un percorso personale e unico.

Imparano da soli

Non c’è un modo giusto e uno sbagliato per giocare: questo vuol dire anche “Scoperta dopo scoperta”. Il gioco è espressione e ogni bambino trova un suo modo per farlo, imparando come vuole lui ad afferrare, sentire, spingere, vedere, ascoltare, tirare, gattonare, muovere i primi passi, strillare e parlare. E quando i bambini scoprono da soli, la ricompensa e la gratificazione sono ancora maggiori.

Un aiuto con i giocattoli giusti

Tutti i giochi Fisher-Price sono orientati alla “Scoperta dopo scoperta”. Si caratterizzano per vicinanza alle esigenze del bambino e rispetto per le sue fasi di crescita: dalle soluzioni per la “Puericultura” alla linea “Primi mesi”, passando per i contenuti educativi della linea “Prime conquiste”, dai prodotti per stimolare le capacità motorie della gamma “Primi passi” a quelli proposti dalla linea “Gioco di immaginazione”. Fisher-Price conosce bene le tappe di apprendimento dei più piccoli e per ogni fase di sviluppo propone dei prodotti ad hoc. 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dopo 4 maschietti arriverà la bambina?

16/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Non è assolutamente detto che dopo quattro figli maschi il quinto sarà una femminuccia perchè a ogni gravidanza si ripresentano le stesse probabilità di aver concepito un maschio o una bambina.   »

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti