Telefono Azzurro: tutti in piazza per aiutare i bambini

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 21/11/2014 Aggiornato il 21/11/2014

Il 22 e il 23 novembre Telefono Azzurro scende in piazza per aiutare i bambini meno fortunati

Telefono Azzurro: tutti in piazza per aiutare i bambini

Sabato 22 e domenica 23 novembre è previsto bel tempo praticamente in tutta Italia. Perché non approfittarne per fare una passeggiata in centro città  con tutta la famiglia e, al tempo stesso, aiutare i bambini meno fortunati? Proprio questo weekend si tiene, infatti, l’iniziativa benefica di raccolta fondi e sensibilizzazione “Accendi l’Azzurro”, organizzata da Telefono Azzurro.

Una casetta illuminata per essere vicino a chi ne ha bisogno

Gli operatori di Telefono Azzurro sabato e domenica saranno presenti in oltre 1.000 piazze italiane con le casette illuminate, simbolo dell’attenzione e della vicinanza ai bambini. La casa, infatti, dovrebbe rappresentare per tutti, e a maggior ragione per i più piccoli, un nido caldo e accogliente, in cui trovare amore e conforto e in cui sentirsi protetti e sicuri. Purtroppo non sempre è così. In alcuni casi, è proprio in quello che dovrebbe essere l’ambiente più sicuro al mondo che avvengono violenze, maltrattamenti, abusi, sia fisici sia psicologici. Ecco perché Telefono Azzurro, che da 27 anni è accanto ai bambini, ha scelto come icona dell’iniziativa benefica una casetta illuminata di legno perché “anche nei momenti più bui per un bambino c’è la luce di Telefono Azzurro”.

I fondi serviranno per potenziare le attività dell’associazione

I soldi raccolti con la vendita delle casette serviranno per finanziare le attività dell’associazione che ascolta e aiuta i bambini e le famiglie in difficoltà. Al momento gli operatori di Telefono Azzurro rispondono 24 ore al giorno 365 giorni all’anno al numero telefonico 1.96.96 e alla chat su “azzurro.it/sostegno”. L’obiettivo è potenziare anche gli altri canali di comunicazione, in particolare quelli privilegiati dai ragazzi, come social, sms, Whatsapp, Skype. Infatti “i ragazzi sono sperimentatori di nuove modalità di relazione, di nuovi stili di vita, di nuovi processi di apprendimento, ma si trovano anche a essere protagonisti di una società che al suo interno si scopre sempre più fragile, piena di incertezze” ha spiegato il professor Ernesto Caffo, Presidente di Telefono Azzurro.

Come conoscere l’elenco delle piazze aderenti

Aderire all’iniziativa e offrire così un sostegno concreto ai bambini disagiati è semplicissimo: basta recarsi in una delle piazze che ospiteranno gli operatori di Telefono Azzurro e fare una donazione minima di 9 euro. Per conoscere l’elenco delle piazze che aderiscono all’evento si può visitare il sito www.azzurro.it oppure chiamare il numero 800.090.335. Sul sito è anche possibile acquistare direttamente la casetta e fare donazioni.  

In breve

A CHI È RIVOLTO

A Telefono Azzurro possono rivolgersi sia bambini e ragazzi in difficoltà sia adulti che intendono parlare di problemi riguardanti minorenni.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Ragazzina di 12 anni con problemi di comportamento

04/05/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

I 12 anni possono essere un'età complicata, ma la pazienza unita a un ascolto attento e affettuoso possono aiutare a fronteggiarli senza troppi scossoni.   »

Fibromi in gravidanza: sono pericolosi?

02/05/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

I fibromi in sé non costituiscono un pericolo per il bambino in utero, tuttavia è importante tenerli monitorati.  »

Embrione che non si vede alla quinta settimana

16/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Anna Maria Marconi

Fare un'ecografia troppo presto (prima della settima settimana) non serve a nulla e, in più, è causa di grandi spaventi che ci si potrebbe risparmiare se solo si avesse un po' di pazienza.  »

Fai la tua domanda agli specialisti