Terre de Femmes Italia: un premio per l’ambiente e… i bambini!

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 18/01/2017 Aggiornato il 18/01/2017

Si è svolta ieri la premiazione di Terre de Femmes Italia della fondazione Yves Rocher, dedicato alle donne che operano per la tutela dell’ambiente. Daniela De Donno ha vinto con il suo progetto in Tanzania per un villaggio di case famiglie ecologicamente autosufficiente

Terre de Femmes Italia: un premio per l’ambiente e… i bambini!

Il premio c’è già da 15 anni ma è stata la prima volta per l’edizione italiana. Terre de Femmes è un riconoscimento voluto da Fondazione Yves Rocher per evidenziare la leadership di donne straordinarie che operano per la tutela dell’ambiente, con la speranza che il loro impegno diventi un esempio per aprire nuove strade. Ieri c’è stata a Milano la premiazione, con la presenza di Jacques Rocher, presidente della Fondazione Yves Rocher – Institut de France.

La prima edizione italiana

Ci sono voluti sei mesi di lavoro per arrivare a individuare la vincitrice italiana, in quanto sono stati valutati ben 40 progetti diversi. Poi la giuria, composta da esperti e personalità di settore, da Oliver Brochet, console di Francia a Milano, a Claudia Sorlini, docente di microbiologia agraria all’Università di Milano, hanno raggiunto l’unanimità sul progetto di Daniela De Donno.

Un orfanotrofio in Tanzania

“La casa dei bambini Sanganigwa si veste di verde” è il titolo del progetto vincitore. L’obiettivo di Daniela De Donno è garantire a questi ragazzi dell’orfanotrofio in Tanzania un futuro migliore, insegnando loro a rispettare se stessi e la natura che li circonda. Il fine del progetto è quello di rendere questo villaggio di case famiglia un “villaggio ecosostenibile” e autosufficiente dal punto di vista finanziario ed energetico, come la creazione di orti e piantumazione di alberi da frutto.

Tre fasi

Con questo primo premio il progetto si aggiudica 10mila euro. Ma può vincere ancora. Il Premio Internazionale del Pubblico, attribuito tramite votazione on-line, offre altri 5mila euro tra tutti i progetti nazionali vincitori. E poi c’è Il Gran Premio Internazionale che premia il progetto più emblematico tra le prime vincitrici di ogni paese partecipante: la vincitrice riceve un ulteriore finanziamento di 10mila euro.

 

 

 
 
 

DA SAPERE

 

ALTRI 5MILA EURO IN PALIO

Per aiutare Daniela De Donno a vincere ancora occorre votare on line, dall’8 marzo al 24 marzo 2017, su www.yves-rocher-fondation.org.  

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sono davvero a rischio di diabete gestazionale?

01/12/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Quando si inizia la gravidanza in una condizione di obesità e, in più, si aumenta di peso rapidamente già a partire dal primo trimestre il rischio di sviluppare il temibile diabete gestazionale diventa alto, soprattutto se l'esame della curva da carico di glucosio evidenzia un'iperproduzione di insulina....  »

Donna Rh negativo: anche dopo un aborto si sviluppano anticorpi contro il sangue Rh positivo?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Esiste un esame che permette di appurare se la donna ha sviluppato anticorpi contro il fattore Rh positivo: si chiama Test di Coombs indiretto e si esegue come un normale prelievo di sangue.  »

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti