Un caso di scabbia alla scuola materna “Dante” di Corsico

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 19/03/2013 Aggiornato il 19/03/2013

Forte preoccupazione tra i genitori degli oltre 200 bimbi che frequentano la materna. Gli ispettori dell’Asl Milano, subito intervenuti, non hanno però trovato tracce dei batteri responsabili della scabbia

Un caso di scabbia alla scuola materna “Dante” di Corsico

Un bambino che frequenta la scuola materna “Dante” di Corsico, in provincia di Milano, ha contratto la scabbia. La notizia è di un paio di giorni fa e non è difficile immaginare quanta preoccupazione abbia provocato tra i genitori degli altri alunni, che ora temono che i loro figli possano essere stati contagiati.
Sembra, però, che il bambino (o la bambina, perché ovviamente la sua identità non è stata rivelata) non si sia ammalato all’interno della struttura scolastica. Questo perché gli ispettori dell’Asl Milano, prontamente intervenuti sul posto, hanno esaminato a fondo le aule e gli altri ambienti della scuola senza rilevare alcuna contaminazione. Si tratta, oltretutto, del primo caso in assoluto verificatosi nella materna di Corsico.

Allerta fino al 5 maggio

In ogni caso a ciascun genitore è stata consegnata una circolare che, non solo dava informazioni sul caso specifico, ma spiegava le norme da seguire per verificare eventuali casi di contagio della scabbia. In pratica, l’Asl consiglia a mamme e papà di controllare l’eventuale comparsa di lesioni fino al 5 maggio (la scabbia ha un periodo di incubazione di 60 giorni).

Una infezione contagiosa

La scabbia è un’infezione contagiosa della pelle; il sintomo principale è la formazione di piccole protuberanze dolorose e di vesciche, che danno un fastidioso prurito, causate da acari microscopici, in grado di annidarsi nello strato superficiale della pelle per deporre le uova. La trasmissione della scabbia, che tra gli adulti avviene perlopiù per contatto sessuale, tra i bambini è causata di norma dal contatto diretto con persone (e con i loro indumenti, asciugamani…) o animali che già erano infetti.

Si cura con creme o lozioni

La scabbia va trattata con prodotti specifici in grado di uccidere gli acari. Si tratta, in genere, di creme o lozioni medicate che devono essere prescritte dal pediatra o dal dermatologo.

In breve

PRIMO CASO NELLA SCUOLA DI CORSICO

Sembra proprio che il contagio non sia avvenuto nelle aule e negli ambienti della scuola. E tuttavia, per una maggiore sicurezza, i genitori degli altri alunni sono stati invitati a “controllare” con cura i loro figli e a segnalare l’eventuale comparsa di lesioni sospette

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Feto che cresce poco: può avere anomalie?

19/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Non è possibile stabilire se il feto abbia malformazioni o sia interessato da un'alterazione cromosomica semplicemente basandosi sul fatto che la sua crescita è al 3° percentile. Oggi si dispone di indagini di screening che possono dare informazioni sulla sua salute, ma se si decide di non effettuarle...  »

Bimba che dopo l’addio al pannolino si rifiuta di fare la cacca: che fare?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Un piccolo rituale da osservare all'occorrenza, qualche accorgimento per rendere il momento confortevole, uniti a tanta pazienza e a un atteggiamento sereno a poco a poco riescono a indurre il bambino a utilizzare il vasino e, più avanti, la tazza del wc.  »

Dopo un aborto spontaneo quanto tempo ci vuole per cominciare un’altra gravidanza?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Augusto Enrico Semprini

Se un primo concepimento è avvenuto in pochi mesi, ci sono altissime probabilità (addirittura il 100%!) di avviare una nuova gravidanza entro sei mesi dall'aborto spontaneo.   »

Non mangiare frutta e verdura durante la gravidanza può essere pericoloso?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se si teme una carenza di vitamina C perché con l'inizio della gravidanza è nata un'avversione verso la frutta e la verdura, si può correre ai ripari assumendo quotidianamente, per esempio, spremute di agrumi o kiwi, che ne sono ricchissimi.   »

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti