Alanis Morissette: “Soffro di depressione post-partum”

Simona Airoldi A cura di Simona Airoldi Pubblicato il 10/10/2019 Aggiornato il 10/10/2019

La confessione è stata fatta sui social direttamente dalla cantante canadese Alanis Morissette, ora al suo terzo figlio. Non è un grido disperato ma un'esortazione ad andare avanti

Alanis Morissette: “Soffro di depressione post-partum”

Con l’arrivo del terzo figlio Alanis Morissette, nota cantante canadese, pensava di essere ormai una mamma rodata, pronta ad affrontare al meglio tutta la fatica e le emozioni che si accavallano nei giorni dopo la nascita, invece si è ritrovata ancora una volta a fare i conti con la depressione post-partum. È proprio di questi giorni lo sfogo sui social della cantante canadese che definisce la spirale che l’ha investita come un “mostro dai mille tentacoli”, un paragone calzante che molte neo madri purtroppo condividono. Winter Mercy, nato lo scorso 8 agosto, dopo altre due gravidanze che hanno arricchito la famiglia di Alanis e del marito rapper Mario ‘Souleye’ Treadway con i figli Ever Imrie e Onyx Solace, ha portato tanta gioia, ma anche privazione di sonno, annebbiamento, dolore fisico e un forte senso di isolamento, come si legge dal post caricato personalmente su Instagram dalla quarantacinquenne. Sensazioni che erano venute a galla anche con le precedenti gestazioni, inasprite nel tempo da un carico crescente di stanchezza e responsabilità.

Esortazione ad andare avanti

Lo sfogo di Alanis (pic by Instagram) non è una lamentela fine a se stessa, bensì un’esortazione e un incoraggiamento: “Stavolta la sconfiggerò, perché ho delle risposte, dei protocolli e delle soluzioni da seguire”, dichiara la pop star, così da fermare “questa scimmia subdola che utilizza un machete per farsi largo nella mia psiche e nel mio corpo, nei miei giorni e nei miei pensieri. Questa volta mi sono però fermata nel bel mezzo di questa situazione, solo Dio sa quanto io non voglia perdermi neanche un minuto da trascorrere con i miei bambini, in questa vita così colorata, con tutti questi miracoli che mi circondano. E solo Dio sa quanto io desideri servire, amare e onorare tutto ciò che più mi è caro”.

Rispetto e supporto

L’importanza del supporto per le madri e per le famiglie che si trovano nelle stesse condizioni è fondamentale, tanto da condensarsi in una piccola grande richiesta che suona anche come un augurio: «La nostra cultura non è preparata per aiutare nel modo giusto le donne dopo il parto, ma non sarebbe bello se trattassimo tutte le mamme e le famiglie post-partum con consapevolezza e rispetto?». E noi non possiamo fare a meno di appoggiarla.

 

 
 
 

Lo sapevate che…

Alanis Morissette non è l’unica vip che ha parlato della depressione post-partum, anche altre super celebrity come Jessica Biel, Gwyneth Paltrow e Courtney Cox hanno ammesso di averne sofferto.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Voglio un figlio (a 44 anni) ma ho paura che non sia sano: che fare?

27/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La scelta di avere un figlio in età avanzata è personalissima: nessuno specialista può dare consigli al riguardo, solo indicare i rischi a cui si potrebbe andare incontro, in modo da permettere di decidere con consapevolezza.  »

Quarto cesareo a 30 anni: sono proprio tanti i rischi?

26/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo espone la donna a vari rischi che è bene valutare attentamente anche con l'aiuto del ginecologo curante.  »

Paura di aver contratto la toxoplasmosi

28/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Per sapere se malauguratamente si è state contagiate dal Toxoplasma gondii si può fare il toxo test, a partire da 20 giorni dopo l'ingestione dell'alimento che si teme fosse contaminato.   »

Fai la tua domanda agli specialisti