È nato il terzo Royal Baby: la casa reale è in festa

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 24/04/2018 Aggiornato il 24/04/2018

È nato il terzo Royal Baby ed è già una star. Il principino è quinto nella linea di successione al trono britannico. Difficilmente diventerà re

È nato il terzo Royal Baby: la casa reale è in festa

 

L’annuncio ufficiale è stato finalmente dato: lunedì 23 aprile è nato il terzo Royal Baby dei duchi di Cambridge (nella foto @instagram kensingtonroyal). È un maschio e pesa poco meno di 4 kg.  Kensington Palace ha emesso un bollettino ufficiale rassicurando i sudditi che sia mamma Kate sia il bambino stanno bene. E a poche ore dalla nascita mamma e bebè si sono offerti ai fotografi.

Papà William in sala parto

Il parto è avvenuto nella Lindo Wing, l’ala privata del St. Mary’s Hospital, situato nel centro di Londra, dove avevano già visto la luce i il primogenito George nel 2013 e la sorellina Charlotte nel 2015. Si apprende anche che il principe William ha partecipato al travaglio, stando sempre vicino alla moglie. Il nuovo principe è ora il quinto nella linea di successione al trono britannico ma è già una star. Congratulazioni per il nuovo arrivato!

 
 
 

Lo sapevi che?

Le scommesse per il nome del bimbo sono in fermento da giorni e per i bookmaker in lista tra i più gettonati ci sono Albert, Arthur e Frederick. Ma non si escludono nomi a sorpresa.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

L’amore per la mamma è “automatico”?

01/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'amore che un piccolissimo prova per la madre è legato al fatto che è la madre a prendersi principalmente cura di lui.  »

Sull’intervallo tra due vaccini vivi attenuati

22/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

La somministrazione di due vaccini vivi attenuati a una distanza inferiore alle 4 settimane può compromettere l'efficacia del secondo vaccino.  »

Iperattivita e prodotti omeopatici

16/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'iperattività (se di iperattività si tratta davvero) è segno di una malattia seria, non si può pensare di affrontarla con il fai-da-te.   »

Fai la tua domanda agli specialisti