Intervista a Massimiliano Rosolino

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 25/10/2013 Aggiornato il 12/07/2018

È il più grande nuotatore italiano. E anche un papà bis, di Sofia e Vittoria Sidney. Massimiliano Rosolino racconta a bimbisaniebelli.it la sua esperienza con i suoi trofei più importanti… le sue figlie

Intervista a Massimiliano Rosolino

Sembra strano sentire una leggenda del nuoto, soprannominato il Cagnaccio perché non molla mai, commuoversi mentre parla delle figlie. Succede quando dice che riescono già a fare il girotondo tutti insieme, con la grande che tiene per il piedino la più piccola. Eppure è fatto proprio così Massimiliano Rosolino, vincitore di tante medaglie olimpiche e mondiali ma soprattutto… papà di due bimbe. Sofia, nata il 16 luglio 2011 e Vittoria Sidney, nata il 19 gennaio 2013. Le ha avute insieme alla compagna Natalia Titova, sua insegnante di danza alla trasmisssione di Milly Carlucci “Ballando con le stelle”. E ora sono i suoi trofei più belli. Questa estate Massimiliano Rosolino è stato l’ambasciatore di Happy Meal sport camp, un’iniziativa di sport e corretta alimentazione dedicata ai bambini organizzata da Mc Donalds. Lo abbiamo intervistato in questa occasione.

Farai fare nuoto alle tue figlie?

Certo, una ha già iniziato. La più grande, che adesso ha due anni, l’anno scorso ha fatto il corso di acquaticità, è stato divertentissimo vederla in vasca con la mamma… ma al sabato ero io che la portavo. Però il mio sogno per loro non è il nuoto ma un’altra disciplina.

Che cosa ti piacerebbe che facessero?

Io sogno per loro un futuro da giocatrici di beach volley: le sorelle Rosolino. Sono sexy ma non troppo, gli slip del costume sono sagomati, le magliette non troppo scollate… Va proprio bene.

Sei un papà un po’ geloso?

Mah, insomma. Ieri Sofia era in piscina all’asilo nido da sola con tutti i bimbi maschi… Devo stare attento! Ho già disdetto l’iscrizione per l’anno prossimo…

E sei apprensivo?

Adesso molto meno, con la prima figlia un po’ di più. Io che non ho mai studiato troppo in vita mia, quando Natalia era in attesa di Sofia ho iniziato a leggere un po’ di tutto sulla maternità, da libri in inglese alla vostra rivista, perché anche se si dice che la teoria è diversa dalla pratica, se non sai la teoria non puoi nemmeno fare la pratica. Poi ogni bambino è diverso ma è stato interessante avere questa infarinatura, mi ha aiutato molto.

Com’è avere due bimbi piccoli?

Io dico sempre che due bimbi valgono tre. Ma noi lo abbiamo voluto, perché così non siamo mai usciti dal reparto pannolini, pappe e cose macchiate… Ci sembra la normalità. Sofia è il capogruppo e già si fa “obbedire” dalla sorellina, che è molto tranquilla. Sarà che Vittoria è la seconda, quindi ha avuto un’educazione diversa dalla prima, nel senso che sei più rilassato, con il primo figlio corri subito appena vuole qualcosa, il secondo te lo deve chiedere tre volte per essere accontentato. È inevitabile.

Sei severo?

Io mi baso su un libro inglese che insegna che un po’ di severità non guasta. E i bambini lo sentono subito. Infatti Sofia con me è bravissima, con Natalia diventa un delirio, i bambini se ne approfittano subito, capiscono con chi hanno a che fare.

Chi si sveglia di notte?

Nessuno dei due. Una va a letto alle 9,30, l’altra alle 11, poi dormono fino al mattino. D’altronde, ho applicato il metodo “Fate la nanna” e i risultati si vedono. Solo che l’ultima poppata, quella delle 11 di sera, la lascio a Natalia con la scusa che la bimba vuole la mamma…

Non gli dai tu il biberon?

Certo che sì. Cerco di evitare quella della sera, ma per il resto non mi sottraggo ai miei doveri di papà. Io sono solo più pratico, per esempio ho capito che se sta nell’ovetto, al posto che in braccio, mangia più rilassata e più veloce. Poi faccio di tutto. Ero io che facevo la pulizia del cordone ombelicale e le ho fatto io il primo bagnetto.

Pensate a un terzo figlio?

No, non ci penso. Dopo il primo volevo assolutamente il secondo, meglio se maschio. Poi dopo il secondo dico basta. Mi chiedo sempre se con un maschio sarei stato così coccolone, io le bimbe le riempio di baci, le abbraccio e ci gioco sempre… Credo che rimarrà un dubbio irrisolto. Magari vorrei aprire un asilo nido

Davvero? E come mai?

Ora che lo frequenta mia figlia ho scoperto quanto è bello. E poi, stando tutto il giorno circondati dai bambini, si può andare a casa arrabbiati? Natalia ha già la scuola di ballo, io vorrei fare la scuola dei bambini, anche quelli piccoli, che iniziano a camminare… sarebbe uno spettacolo. 

 
 
 

In breve

VITTORIA SIDNEY

Il nome della sua secondogenita, Vittoria Sidney, riassume la sua impresa più grande: la vittoria alle Olimpiadi australiane di Sidney del 2000 della medaglia d’oro nei 200 metri misti. Nella stessa Olimpiade aveva vinto anche un argento nei 400 metri stile libero e un bronzo nei 200 metri stile libero. 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Bimbo ostile allo svezzamento

Quando un bambino rifiuta con ostinazione le prime pappe e qualsiasi altro alimento diverso dal latte, occorre giocare d'astuzia (armandosi di infinta pazienza).   »

Bimba che di notte si sveglia spesso

I disturbi del sonno possono essere ben controllati con la pratica del co-sleepeeng, che consiste nel far dormire il bambino "accanto ai genitori", ma non nello stesso letto.   »

In che settimana di gravidanza si vede l’embrione con l’ecografia?

In genere l'ecografia permette di vedere il bambino (e il suo cuoricino che batte) a partire dalla sesta settimana di gravidanza.   »

Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Fai la tua domanda agli specialisti