Scarlett Johansson: essere mamma e avere successo è possibile

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 28/04/2015 Aggiornato il 11/05/2015

Per Scarlett Johansson è un periodo d’oro: sul grande schermo è una vedova sexy e pericolosa, ma a casa è una mamma amorevole e innamorata della sua Rose Dorothy

Scarlett Johansson: essere mamma e avere successo è possibile

Chi l’ha detto che per essere una buona mamma occorra mettere da parte il lavoro o che per avere successo nella propria professione sia necessario rinunciare alla famiglia? Conciliare al meglio i due ambiti è possibile, anche se richiede impegno e fatica. La dimostrazione di come il sogno sia realizzabile arriva da Scarlett Johansson (nella foto Instagram), mamma presente e attrice di inarrestabile successo.

Al cinema, femme fatale

Proprio in queste settimane, Scarlett Johansson, una delle attrici più affascinanti del mondo, è al cinema con “Avengers: The Age of Ultron”, secondo capitolo della saga sui supereroi della Marvel Comics. Sul grande schermo interpreta il ruolo della Vedova Nera. Personaggio sfuggente e decisamente sexy, nel sequel di “The Avengers”, sembra capace di far capitolare l’incredibile Hulk, con il quale potrebbe iniziare una storia romantica e tormentata.

A casa, mamma premurosa

Nella vita di tutti i giorni, invece, Scarlett Johansson è una mamma innamorata della sua piccola Rose Dorothy, nata lo scorso settembre dal matrimonio con il giornalista francese Romain Dauriac. L’attrice, nonostante non abbia rallentato i ritmi lavorativi, ha preso molto a cuore il suo nuovo impegno di mamma. Quando si prende cura della figlia, riesce a dare il meglio di sé, al punto da definirsi attenta, premurosa e amorevole.

Sa di essere fortunata

Scarlett Johansson non nega, però, che dedicarsi con passione al proprio lavoro e, al tempo stesso, evitare di togliere tempo alla famiglia sia faticoso. Oltretutto, è perfettamente conscia di parlare da una posizione privilegiata. “Sono una mamma fortunata perché ho un lavoro flessibile e non ho problemi ad ammetterlo” ha spiegato ai giornalisti. L’attrice ha poi aggiunto che la sua è una delle poche professioni che permettono alle donne di stare anche accanto ai propri figli.

Complimenti a tutte le mamme

Chiamata a fare un paragone, comunque, non ha dubbi su quale dei due ruoli sia il più impegnativo. L’attrice ha svelato con molto candore che ritiene le mamme dei supereroi. “Sì, perché credo che svegliarsi alle tre del mattino sia un atto eroico, come tenere gli occhi aperti e trascinarsi, notte dopo notte, da una stanza all’altra” ha dichiarato. Proprio per questo ha fatto pubblicamente i complimenti a tutte le mamme del mondo, specialmente a quelle insonni.

 

 

 

In breve

UN AMORE TRAVOLGENTE

Non è la prima volta che Scarlett Johansson parla del suo essere mamma. Nei mesi scorsi aveva già rilasciato delle dichiarazioni su quanto fosse travolgente e immenso l’amore per la sua bambina. Aveva anche ammesso di quanto amasse allattarla al seno e prendersi cura di lei, anche se impegnativo.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Bimbo ostile allo svezzamento

Quando un bambino rifiuta con ostinazione le prime pappe e qualsiasi altro alimento diverso dal latte, occorre giocare d'astuzia (armandosi di infinta pazienza).   »

Bimba che di notte si sveglia spesso

I disturbi del sonno possono essere ben controllati con la pratica del co-sleepeeng, che consiste nel far dormire il bambino "accanto ai genitori", ma non nello stesso letto.   »

In che settimana di gravidanza si vede l’embrione con l’ecografia?

In genere l'ecografia permette di vedere il bambino (e il suo cuoricino che batte) a partire dalla sesta settimana di gravidanza.   »

Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Fai la tua domanda agli specialisti