Yess Air, Quinny

Yess Air, Quinny

È un passeggino all’avanguardia dotato di un’esclusiva tecnica di lavorazione a maglia in 3D. Questa tecnologia rivoluzionaria rende Yezz Air estremamente leggero, traspirante e ultra confortevole. Perfetto per genitori sempre in movimento che non vogliono rinunciare al massimo comfort per il loro bambino. Unico nella tecnologia di realizzazione grazie al telaio ultra leggero in IXEF® (resina plastica rinforzata da fibra di vetro) e ruote skate con cuscinetti a sfera per un ridotto attrito durante la spinta (si spinge e si manovra con un solo dito!).
Estremamente compatto, una volta chiuso resta in piedi da solo e si trasporta facilmente grazie alla pratica tracolla, per avere entrambe le mani libere. Disponibile in due colori moda, con capottina reversibile. Venduta separatamente la pratica borsa per il trasporto. Si utilizza da 6 a 36 mesi, fino a 15 kg al massimo. Il passeggino pesa soltanto 5,6 kg.

In vendita a 199 euro.

Maggio 2018

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Continue infezioni delle vie urinarie: che fare?

27/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui si vada incontro a numerose infezioni delle vie urinarie diventa necessario rivolgersi a uno specialista in urologia o uro-ginecologia per farsi indicare il percorso terapeutico più efficace e, quindi, risolutivo.   »

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Fai la tua domanda agli specialisti