Acqua Sant’Anna

Acqua Sant’Anna

Bere regolarmente è importante sia per la salute fisica che per il nostro cervello e lo sa bene Acqua Sant’Anna che, per aiutarci in questo piccolo ma importante gesto quotidiano, non solo ha formati adatti a tutte le occasioni, ma porta sulle nostre tavole e scrivanie un’acqua buona e leggera.

Quali sono i segreti per ricordarci di bere anche quando facciamo smart working o quando siamo davanti ad un film? Ecco qualche piccolo e pratico consiglio che arriva proprio da Acqua Sant’Anna: 

 

  • Appena alzati bere un bicchiere d’acqua, o ancor meglio due.
  • In casa, quando ci si sposta da una stanza all’altra, portare una bottiglia d’acqua sempre con noi permetterà di non scordarci di bere. 
  • Sul piano di lavoro tenere sempre una bottiglia e ad ogni pausa berne un po’. Il cervello contiene, infatti, una quantità altissima di acqua, quindi l’idratazione favorirà la concentrazione, aumenterà la produttività e avrà addirittura effetti positivi sulla memoria a breve termine.

    Per tutte queste occasioni Acqua Sant’Anna propone una vastissima gamma di formati: dal pratico 0,25l fino al formato famiglia da 2l, passando per i pratici 0,5l – 0,75l – 1l e 1,5l.

    Acqua Sant’Anna sgorga da fonti tra le più alte in Italia, pura e leggera, dopo aver attraversato rocce granitiche che cedono poco residuo fisso e pochi minerali; ha pochissimo sodio soprattutto, il sale che rende l’acqua più pesante per i nostri reni e per il nostro organismo. L’acqua giunge all’imbottigliamento seguendo severissimi standard di produzione, priva di qualsiasi agente inquinante e batteriologico. È raccomandata per la preparazione degli alimenti dei lattanti.

Aprile 2021

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Continue infezioni delle vie urinarie: che fare?

27/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui si vada incontro a numerose infezioni delle vie urinarie diventa necessario rivolgersi a uno specialista in urologia o uro-ginecologia per farsi indicare il percorso terapeutico più efficace e, quindi, risolutivo.   »

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Fai la tua domanda agli specialisti