Acqua Sant’Anna

Acqua Sant’Anna

Bere regolarmente è importante sia per la salute fisica che per il nostro cervello e lo sa bene Acqua Sant’Anna che, per aiutarci in questo piccolo ma importante gesto quotidiano, non solo ha formati adatti a tutte le occasioni, ma porta sulle nostre tavole e scrivanie un’acqua buona e leggera.

Quali sono i segreti per ricordarci di bere anche quando facciamo smart working o quando siamo davanti ad un film? Ecco qualche piccolo e pratico consiglio che arriva proprio da Acqua Sant’Anna: 

 

  • Appena alzati bere un bicchiere d’acqua, o ancor meglio due.
  • In casa, quando ci si sposta da una stanza all’altra, portare una bottiglia d’acqua sempre con noi permetterà di non scordarci di bere. 
  • Sul piano di lavoro tenere sempre una bottiglia e ad ogni pausa berne un po’. Il cervello contiene, infatti, una quantità altissima di acqua, quindi l’idratazione favorirà la concentrazione, aumenterà la produttività e avrà addirittura effetti positivi sulla memoria a breve termine.

    Per tutte queste occasioni Acqua Sant’Anna propone una vastissima gamma di formati: dal pratico 0,25l fino al formato famiglia da 2l, passando per i pratici 0,5l – 0,75l – 1l e 1,5l.

    Acqua Sant’Anna sgorga da fonti tra le più alte in Italia, pura e leggera, dopo aver attraversato rocce granitiche che cedono poco residuo fisso e pochi minerali; ha pochissimo sodio soprattutto, il sale che rende l’acqua più pesante per i nostri reni e per il nostro organismo. L’acqua giunge all’imbottigliamento seguendo severissimi standard di produzione, priva di qualsiasi agente inquinante e batteriologico. È raccomandata per la preparazione degli alimenti dei lattanti.

Aprile 2021

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Tampone positivo allo streptococco durante la gravidanza

23/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono delle indicazioni da seguire quando si risulta positive allo streptococco in prossimità del parto, prima tra tutte recarsi con urgenza in Pronto soccorso fin dalla prima comparsa delle contrazioni.   »

Tosse dei bambini: l’antibiotico serve o no?

14/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

La tosse secca, anche se più disturbante, non deve preoccupare e non richiede inevitabilmente l'antibiotico, che invece va somministrato quando la tosse è “grassa”, con tanto catarro, e si protrae per oltre quattro settimane senza alcun accenno di miglioramento.  »

Fai la tua domanda agli specialisti