Gelato Yo-Yo allo yogurt bianco – Tonitto 1939

gelato allo yogurt bianco di tonitto

Con la ripresa della scuola e delle lezioni, per bambini e ragazzi torna quel break che genera felicità e dà la giusta carica per poter svolgere ogni singola attività, ovvero la merenda di cui il 17 settembre si festeggia la Giornata Nazionale.

Dalla frutta secca alle barrette di cereali home made, al gelato allo yogurt, fino al cioccolato extra fondente, sono questi i maggiori trend del “nuovo” spuntino degli italiani. Proprio il gelato è uno degli alimenti preferiti dagli italiani, anche nella stagione fredda. 

Per questo Tonitto 1939 ha scelto di realizzare il gelato Yo-Yo allo yogurt bianco, con una base di yogurt e materie prime naturali, adatto a uno spuntino all’insegna del gusto sano e naturale.

Il gelato Yo-Yo allo yogurt bianco di Tonitto 1939, oltre a essere prodotto grazie all’energia solare, è realizzato attraverso un processo di produzione “stile greco”, che permette di raggiungere una buona e piacevole cremosità. Presente anche nella versione di stecco Yo-Yo con yogurt, frutti di bosco e cioccolato bianco, non contiene conservanti e OGM ed è perfetto per tutti coloro, non solo bambini e ragazzi, che vogliono seguire uno stile di vita all’insegna del benessere: per 100g fornisce meno di 170 kcal.

www.tonitto.com

 

Settembre 2022

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gravidanza: quando conviene annunciarla a parenti e amici?

26/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Non c'è una regola che stabilisce quando è opportuno comunicare a tutti che si è in attesa di un bambino. Il momento in cui farlo dipende da una scelta personalissima che ogni coppia deve fare in base al proprio sentire.  »

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Fai la tua domanda agli specialisti