Immunoepid Junior, Specchiasol

Immunoepid Junior, Specchiasol

Integratore alimentare per il benessere dei più piccoli con propoli concentrata e antiallergica, vitamina C e zinco per favorire il regolare funzionamento del sistema immunitario. 

In pratiche bustine da sciogliere in acqua che, grazie alla presenza di vitamina C, da estratti di Acerola e Olivello spinoso, e di Zinco, aiuta il regolare funzionamento del sistema immunitario e svolge una funzione antiossidante contribuendo a proteggere le cellule dai radicali liberi. ImmunEpid Junior contiene anche fermenti lattici tindalizzati, propoli E.P.I.D.® plus, Ribes nero ed Echinacea, quest’ultima favorisce le naturali difese dell’organismo. Con estratti di stevia.
Modalità d’uso: di norma si consiglia l’assunzione di una bustina al giorno, preferibilmente il mattino a colazione, sciolta in un bicchiere d’acqua o in altra bevanda.

Novembre 2019

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Distacco amniocoriale che non si riassorbe con il passare delle settimane

14/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In presenza di un distacco amniocoriale che non si risolve non serve intensificare i controlli, mentre sono utili il riposo e un'alimentazione che favorisca l'attività dell'intestino, perché la stipsi può favorire la comparsa prematura di contrazioni uterine.   »

Fai la tua domanda agli specialisti