Merenda da spremere Mio Frutta e Yogurt, Nestlé

Merenda da spremere Mio Frutta e Yogurt, Nestlé

Queste merende da spremere  garantiscono un corretto apporto nutrizionale, il gusto naturale della frutta in un formato da spremere comodo, sicuro e innovativo che può essere portato ovunque, perché non ha bisogno di essere conservato in frigo.

Le merende da spremere Mio sono una soluzione sana e divertente per i piccoli grandi campioni. Le varianti “Frutta e Yogurt” sono merende pastorizzate (con fermenti lattici inattivati) e contengono calcio e magnesio, importanti per lo sviluppo delle ossa, e zinco, necessario per la buona crescita.

Contengono purea di frutta senza pezzi, selezionata e controllata, unita alla cremosità dello yogurt, senza conservanti e senza coloranti come per legge, con calcio e magnesio per lo sviluppo delle ossa e zinco per la crescita. Disponibili in 3 gusti: banana, mela e fragola e il nuovo mela e pera.

Adatte a partire dallo svezzamento, perché sono naturalmente buone.

Le mamme possono portare le Merende da Spremere Mio sempre con loro per la merenda dei loro bambini;  garantiscono la massima sicurezza di consumo e di flusso grazie al beccuccio Safety studiato per le bocche dei più piccoli che vogliono sentirsi grandi!

Novembre 2017

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Piccolissimo che piange perché vuole stare in braccio

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Non stupisce affatto che un bimbo di neppure due mesi smetta di piangere solo quando viene preso in braccio dalla madre. Spetta a quest'ultima trasmettergli l'affettuoso, rassicurante messaggio di esserci per lui sempre e comunque, anche quando è nella culla.   »

Fai la tua domanda agli specialisti