Moringa, Specchiasol

Moringa, Specchiasol

La Moringa oleifera è una pianta che si è diffusa nelle aree tropicali e subtropicali grazie a una grande adattabilità ed è chiamata l'”albero delle meraviglie”. Le foglie e i semi della Moringa oleifera sono ricche non solo di proteine, calcio, ferro, potassio, vitamine (particolarmente C ed E) e beta-carotene, ma anche di composti fenolici (flavonoidi, acidi fenolici) e bioattivi (glucosinolati, isotiocianati, alcaloidi, tannini e saponine), ai quali sono attribuite diverse proprietà benefiche per l’organismo. La Moringa risulta utile per l’equilibrio del peso corporeo ma non solo, favorisce il metabolismo dei lipidi e la funzione digestiva. È indicata per la regolarità del processo di sudorazione e per una normale circolazione del sangue. Non sono stati riportate reazioni avverse negli studi condotti sull’uomo. Si consiglia l’assunzione di 2 compresse al giorno preferibilmente al mattino fino ad un massimo di 4 compresse. La confezione da 30 compresse costa 12,90 euro. In vendita in farmacia, erboristeria e parafarmacia. 

Febbraio 2017

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tampone positivo allo streptococco durante la gravidanza

23/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono delle indicazioni da seguire quando si risulta positive allo streptococco in prossimità del parto, prima tra tutte recarsi con urgenza in Pronto soccorso fin dalla prima comparsa delle contrazioni.   »

Paroxetina: si può assumere nel periodo preconcezionale e poi in gravidanza?

23/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In relazione agli psicofarmaci, nel periodo del concepimento e poi durante la gravidanza è importante assumerli sotto la guida dello psichiatra e del ginecologo, in accordo tra loro.   »

Tosse dei bambini: l’antibiotico serve o no?

14/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

La tosse secca, anche se più disturbante, non deve preoccupare e non richiede inevitabilmente l'antibiotico, che invece va somministrato quando la tosse è “grassa”, con tanto catarro, e si protrae per oltre quattro settimane senza alcun accenno di miglioramento.  »

Fai la tua domanda agli specialisti