Natalat, Vivimoringa

Natalat, Vivimoringa

È un integratore alimentare studiato per le neo-mamme che, sfruttando la sinergia della moringa oleifera e del cardo mariano, aumenta e arricchisce il latte materno, favorendo il benessere psico-fisico nella mamma e sviluppa le difese immunitarie nel neonato. Aiuta quindi durante la fase dell’allattamento, in quanto riduce la stanchezza fisica, aumenta la montata lattea, stabilizza l’umore nella fase post-partum e aiuta nella nutrizione del bambino rendendo il latte ricco di nutrienti in grado di stimolare le difese immunitarie. In più, permette una naturale azione depurativa dell’organismo materno, aiutando il drenaggio dei liquidi corporei oltre a favorire l’equilibrio psico-fisico nella fase post-partum. La Moringa è un anti-stress naturale, che regola i livelli ormonali e facilita il sonno, rappresentando un ottimo rimedio naturale per ritrovare un equilibrio psico-fisico nella fase post partum. In farmacia ed erboristeria. 

Febbraio 2017

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Continue infezioni delle vie urinarie: che fare?

27/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui si vada incontro a numerose infezioni delle vie urinarie diventa necessario rivolgersi a uno specialista in urologia o uro-ginecologia per farsi indicare il percorso terapeutico più efficace e, quindi, risolutivo.   »

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Fai la tua domanda agli specialisti