Nesquik All Natural, Nestlé

Nesquik All Natural, Nestlé

È un prodotto che si distingue per una ricetta semplificata, con soli 5 ingredienti 100% naturali, cacao sostenibile dall’Africa Occidentale, certificato UTZ, e per il confezionamento in un sacchetto di carta riciclabile.
La nuova formulazione di Nesquik All Natural prevede una maggiore percentuale di cacao rispetto a Nesquik Opti-Start. Nesquik All Natural, inoltre, ha meno zucchero rispetto al prodotto classico, e utilizza zucchero di canna grezzo invece dello zucchero bianco.
Il nuovo pack di Nesquik All Natural è realizzato in carta rivestita, un materiale riciclabile nella carta e ottenuto da fonti sostenibili, certificate dal Forest Stewardship Council (FSC). I sacchetti sono stati testati per garantire le migliori condizioni di qualità di Nesquik in tutte le fasi, dall’imballaggio alla conservazione in casa.

Per accompagnare il lancio del nuovo prodotto e sottolinearne l’importanza come momento significativo nel percorso di sostenibilità Nestlé, nasce la Foresta Nesquik All Natural. Grazie alla collaborazione con Treedom, piattaforma web che permette di piantare un albero a distanza e seguirlo online, saranno piantumati 900 alberi in Africa e 200 in Sicilia.

Agosto 2019

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perdite di sangue nel primo trimestre: cosa può essere?

27/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una volta escluso, grazie all'ecografia, che il sanguinamento sia dovuto a un distacco o ad altre complicazioni, occorre capire se la causa potrebbe essere un'infezione.   »

Gravidanza: quando conviene annunciarla a parenti e amici?

26/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Non c'è una regola che stabilisce quando è opportuno comunicare a tutti che si è in attesa di un bambino. Il momento in cui farlo dipende da una scelta personalissima che ogni coppia deve fare in base al proprio sentire.  »

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Fai la tua domanda agli specialisti