Nettari di Frutta Biologici – Alce Nero

Nettari di frutta biologici Alce Nero

Per il ritorno a scuola ALCE NERO propone i NETTARI DI FRUTTA BIOLOGICI Ancora più attenti alla sostenibilità grazie alla cannuccia in carta e packaging realizzato con materie prime da fonti rinnovabili.

La nuova cannuccia plastic free è realizzata in carta al 100%, una soluzione igienica, resistente e naturale, e la confezione impiega bioplastica ricavata dalla canna da zucchero per alcuni strati dell’imballaggio. In termini numerici, il packaging dei Nettari di frutta Alce Nero è realizzato con l’82% di materie prime ottenute da fonti rinnovabili, un risultato che l’azienda ha perseguito dando centralità alla sua etica green.

Ma è la frutta la protagonista di questa linea: i Nettari Alce Nero sono preparati con ottima frutta biologica, coltivata dai soci agricoltori nelle zone più vocate della penisola e non contengono aromi. La frutta viene raccolta al momento giusto di maturazione e ridotta a purea. La preparazione prevede l’aggiunta di un po’ di zucchero di canna biologico e succo di limone bio, in alcuni casi. 

La gamma è composta da 4 referenze: Nettare di pera, Nettare di pesca, Nettare di albicocca, Nettare di mela e mirtillo, tutti disponibili nel formato contenente 3 brick da 200 ml.

www.alcenero.com

Settembre 2022

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gravidanza: quando conviene annunciarla a parenti e amici?

26/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Non c'è una regola che stabilisce quando è opportuno comunicare a tutti che si è in attesa di un bambino. Il momento in cui farlo dipende da una scelta personalissima che ogni coppia deve fare in base al proprio sentire.  »

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Fai la tua domanda agli specialisti