Olio extra vergine di oliva Sostenibile 100% Italiano, Oleificio Zucchi

Olio extra vergine di oliva Sostenibile 100% Italiano, Oleificio Zucchi

Gusto e salute diventano sostenibili nel più prezioso degli alimenti. Un percorso trasparente dal campo alla tavola, che rispetta l’ambiente e coniuga sapore e benessere, è garantito oggi dall’extra vergine di oliva 100% Italiano Zucchi, il primo proveniente da una filiera certificata sostenibile – che segue cioè una produzione limpida in ogni suo passaggio, dalla raccolta delle olive alla spremitura, fino alla tavola.

Oleificio Zucchi presenta così un prodotto unico che racconta una storia fatta di qualità, sicurezza ed etica, animata dalla passione di tutti i suoi attori e condita dal profumo dei migliori uliveti italiani.

Dal sapore rotondo, morbido e dolce, con delicate note di mandorla ed erba appena tagliata, l’Olio extra vergine di oliva Sostenibile 100% Italiano Zucchi dà il meglio usato a crudo, per condire innanzitutto le pappe dei bambini, ma anche piatti freschi per tutta la famiglia, come pinzimoni, carpacci e insalate, o più rustici come zuppe e minestre, ma anche per impreziosire una grigliata di carne o pesce.

Settembre 2017

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Comportamenti (in)soliti durante il sonno: perché?

10/05/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Annalisa Pistuddi

Durante il sonno possono verificarsi episodi di regressione che nascono dalla necessità di scaricare tensioni emotive accumulate nelle ore di veglia. E' poco opportuno invadere questo spazio intimo cercando di indurre bruscamente il risveglio.  »

Esami oculistici a inizio gravidanza: ci sono rischi?

10/05/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Antonio Clavenna

Valutare l'opportunità di effettuare determinate indagini oculistiche nelle prime settimane di gravidanza spetta allo specialista a cui ci si affida.   »

Embrione che non si vede alla quinta settimana

16/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Anna Maria Marconi

Fare un'ecografia troppo presto (prima della settima settimana) non serve a nulla e, in più, è causa di grandi spaventi che ci si potrebbe risparmiare se solo si avesse un po' di pazienza.  »

Fai la tua domanda agli specialisti