Snack!, Fratelli Carli

Snack!, Fratelli Carli

È una nuova gamma, battezzata “Snack!”, disponibile in tre sapori tipicamente mediterranei, ossia POP (pomodoro, origano e peperoncino), Erbette (erba cipollina, maggiorana e rosmarino) e Rosmarino e sale – è in pack da 100 grammi e rientra nel progetto dell’azienda di intercettare nuovi stili e occasioni di consumo.

Simili alle chips, sono caratterizzati da ricette semplici, casalinghe, artigianali, 100% naturali senza conservanti, senza additivi e senza aromi. Tra gli ingredienti spicca l’Olio di Oliva Carli che garantisce una consistenza, croccantezza e friabilità perfette e permette ai vari sapori di amalgamarsi perfettamente tra loro. 

Snack FC ErbaCipollina_Origano_Rosmarino

In vendita al prezzo di lancio di Euro 2,40 a pack esclusivamente negli 11 Empori Fratelli Carli a Imperia, Milano, Monza, Como, Orio al Serio, Padova, Torino, Alessandria, Cuneo, Bologna e Varese, i prodotti hanno una shelf life di 12 mesi e sono ideali per una merenda o una pausa piacevole, da sgranocchiare da soli o da condividere in tante occasioni.

Snack FC Pomodoro_Origano_Peperoncino

Febbraio 2019

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Tampone positivo allo streptococco durante la gravidanza

23/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono delle indicazioni da seguire quando si risulta positive allo streptococco in prossimità del parto, prima tra tutte recarsi con urgenza in Pronto soccorso fin dalla prima comparsa delle contrazioni.   »

Tosse dei bambini: l’antibiotico serve o no?

14/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

La tosse secca, anche se più disturbante, non deve preoccupare e non richiede inevitabilmente l'antibiotico, che invece va somministrato quando la tosse è “grassa”, con tanto catarro, e si protrae per oltre quattro settimane senza alcun accenno di miglioramento.  »

Fai la tua domanda agli specialisti