Spaghetti Shirataki, ZenPasta

Spaghetti Shirataki, ZenPasta

Sono una tipica pasta giapponese, bianca, quasi trasparente, che solo nella forma ricorda i nostri spaghetti, perché la sua formulazione è completamente diversa. Gli Shirataki sono, infatti, composti quasi esclusivamente da fibra, il glucomannano, sono sazianti e hanno un indice glicemico basso. Inoltre, essendo del tutto privi di glutine, sono un prodotto ideale anche nella dieta dei celiaci.
Quelli di ZenPasta, grazie a un’innovativa tecnica di essiccazione, sono gli unici Shirataki secchi a essere commercializzati sul mercato italiano: le confezioni risultano quindi più facili da trasportare e sono più semplici da conservare. Inoltre, a differenza degli shirataki in acqua, hanno una consistenza più al dente e simile alla pasta tradizionale.

Il glucomannano è una fibra solubile estratta dalla farina di konjac, una radice millenaria che cresce nelle foreste del sud-est asiatico. Questa preziosa fibra gode di proprietà benefiche e depurative, perché è in grado rallentare l’assorbimento di carboidrati e grassi, mantenere sotto controllo la glicemia e ridurre il livello di colesterolo nel sangue.

In vendita nei negozi specializzati, bio e parafarmacie, la confezione da 250 g (quantità prodotto cotto 600 g) ha un prezzo consigliato di 9.90 euro.

Maggio 2018

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Tampone positivo allo streptococco durante la gravidanza

23/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono delle indicazioni da seguire quando si risulta positive allo streptococco in prossimità del parto, prima tra tutte recarsi con urgenza in Pronto soccorso fin dalla prima comparsa delle contrazioni.   »

Tosse dei bambini: l’antibiotico serve o no?

14/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

La tosse secca, anche se più disturbante, non deve preoccupare e non richiede inevitabilmente l'antibiotico, che invece va somministrato quando la tosse è “grassa”, con tanto catarro, e si protrae per oltre quattro settimane senza alcun accenno di miglioramento.  »

Fai la tua domanda agli specialisti