Tazze anti-perdita, Philips Avent

Tazze anti-perdita, Philips Avent

Aiutano il bambino a bere in autonomia e favoriscono una corretta postura dei denti. Ogni tazza è dotata di una cannuccia in morbido silicone, resistente ai morsi e delicata sulle gengive, ideale per i bimbi con i denti in fase di sviluppo. La particolare inclinazione della cannuccia permette di bere in modo confortevole. La tazza è disponibile in due formati: la versione da 200 ml dotata di manici per una presa più sicura è indicata dai 9 mesi, quella da 300 ml (foto) è pensata per i bambini dai 12 mesi, ha una superficie antiscivolo e una forma ergonomica.

Non perdono una goccia, in quanto il coperchio scorre avanti e indietro per evitare perdite di liquido durante il trasporto e per proteggere la cannuccia mantenendola sempre pulita. Dispongono poi di una valvola anti-perdita per impedire la fuoriuscita di liquido quando la tazza è aperta. Sono prive di BPA, facili da pulire e da assemblare.

Marzo 2019

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Tampone positivo allo streptococco durante la gravidanza

23/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono delle indicazioni da seguire quando si risulta positive allo streptococco in prossimità del parto, prima tra tutte recarsi con urgenza in Pronto soccorso fin dalla prima comparsa delle contrazioni.   »

Tosse dei bambini: l’antibiotico serve o no?

14/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

La tosse secca, anche se più disturbante, non deve preoccupare e non richiede inevitabilmente l'antibiotico, che invece va somministrato quando la tosse è “grassa”, con tanto catarro, e si protrae per oltre quattro settimane senza alcun accenno di miglioramento.  »

Fai la tua domanda agli specialisti