Tazze anti-perdita, Philips Avent

Tazze anti-perdita, Philips Avent

Aiutano il bambino a bere in autonomia e favoriscono una corretta postura dei denti. Ogni tazza è dotata di una cannuccia in morbido silicone, resistente ai morsi e delicata sulle gengive, ideale per i bimbi con i denti in fase di sviluppo. La particolare inclinazione della cannuccia permette di bere in modo confortevole. La tazza è disponibile in due formati: la versione da 200 ml dotata di manici per una presa più sicura è indicata dai 9 mesi, quella da 300 ml (foto) è pensata per i bambini dai 12 mesi, ha una superficie antiscivolo e una forma ergonomica.

Non perdono una goccia, in quanto il coperchio scorre avanti e indietro per evitare perdite di liquido durante il trasporto e per proteggere la cannuccia mantenendola sempre pulita. Dispongono poi di una valvola anti-perdita per impedire la fuoriuscita di liquido quando la tazza è aperta. Sono prive di BPA, facili da pulire e da assemblare.

Marzo 2019

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Continue infezioni delle vie urinarie: che fare?

27/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui si vada incontro a numerose infezioni delle vie urinarie diventa necessario rivolgersi a uno specialista in urologia o uro-ginecologia per farsi indicare il percorso terapeutico più efficace e, quindi, risolutivo.   »

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Fai la tua domanda agli specialisti